Sri Bhagavan: Verità, Integrità e Consapevolezza

 

Sri Bhagavan, qual è il rapporto tra verità, integrità e consapevolezza?

sri-bhagavan-devoti-al-tempio «La verità è ciò che è statico, tipo “io sono questo, io sono quello“, così è qualcosa di simile ad un fermo immagine dell’integrità interiore.
Mentre integrità interiore è qualcosa di vivo, più simile a un film.
Si può pensare della verità come a un’immagine statica scattata da una telecamera. Il video è qualcosa di molto vivo, dove si sta osservando quello che sta succedendo all’interno, cioè. l’integrità interiore che vi dà momento per momento, non è statica.
Quindi, se è possibile entrare in contatto con i movimenti della mente, allora si può dire che sei nell’integrità interiore.
Non sei in confusione su di te quando dici “Sì, io so no questo o sono quello“, allora sai che quello che dici è vero.
Ma la consapevolezza è andare sempre più profondamente nell’integrità interiore, e non avere alcuna aspettativa.
Non aspettate nulla.
Non condannate nulla.
Non identificate nulla come: questo è male – questo è bene.

Quando Il processo di identificazione si arresta la mente non può più funzionare

Il problema è che tu dici: “questa è la gelosia“. Sì, la gelosia è un male, credo di essere geloso, devo arrivare da qualche parte“.
Man mano che continui a ripeterlo, ti rendi conto che non c’è nessun posto dove andare – non c’è nulla da raggiungere.
Tutto ciò che esiste è….

Siete consapevoli di quello che sta succedendo?

Ciò che sta succedendo non è affatto importante, perché non hai il controllo su questo.
Questo fa parte della coscienza collettiva, che è come un enorme oceano in cui le onde salgono e scendono, e tu non hai alcun controllo su di esso.
Qualcuno a Pechino potrebbe parlare e potrebbe benissimo influenzare qualcuno ad Auckland o ovunque voi siate, quindi siamo tutti collegati e non si ha alcun controllo su di esso, si limita a un sub-sistema, un individuo, che è parte di una cosa più grande chiamato il sistema, in modo da non avere letteralmente alcun controllo di queste cose, tutto quello che puoi fare è, solo essere consapevole di ciò che sta accadendo.

Se sei consapevole, in quel momento, sei risvegliato.
In quel momento sei illuminato.
Se si perde il momento dopo non c’è più.

Così potrà di nuovo tornare e di nuovo si può perdere e, come si continua a crescere in consapevolezza, i periodi diventano più lunghi nel tempo e se cresci ancora, probabilmente durerà per tutto il tempo.
Quindi, ciò che sta accadendo – è che anche un uomo illuminato può avere un pensiero lussurioso.
Poi quello che succede è che egli non si identifica con la lussuria, né si condanna, lui osserva solamente, questo è tutto.

Vedere è la consapevolezza.
Vedere è il risveglio.
Vedere è l’illuminazione
Questo è tutto.

Voi immaginate che nel fare questo o quello, si sta per arrivare da qualche parte. Non c’è nessun posto dove andareC’è solo l’osservazione, che è tutto ciò che c’è in quel momento.

Quindi non si dovrebbe cercare di andare chissà dove,
è questo l’errore che si sta facendo ancora e ancora, si sta pensando a un posto da raggiungere.
Non vi è nessun dove – dove si può andare?
Si può essere solo dove sei.
Ecco perché dico che vedere è il primo passo è l’ultimo passo.
Non c’è un secondo passo.
Quindi siete preoccupati per il contenuto.
Non vi è alcun bisogno di preoccuparsi per il contenuto.

Preoccuparsi del contenuto, è il problema.

Tu dici – “Oh mio Dio, la mia mente è così terribile, sta accadendo questo e sta accadendo quest’altro“.
Questo è il problema, non ci sono problemi con i vostri pensieri, affatto.
E’ la vostra preoccupazione di quei pensieri.
Sono lì. Questo è tutto.
Non si può fare niente per loro.

La domanda è: siete consapevoli di questo?

Per questo è necessario smettere di incolpare.
Potrei parlare di più, ma poi diventerebbe un concetto e diventerebbe una trappola, quindi tutto quello che posso dirvi è: il contenuto non è importante.
Non c’è nessun posto dove andare.
Siete a conoscenza del contenuto?
Questo è tutto, questa è la consapevolezza.

L’ analisi conduce alla paralisi ?

Ognuno sta costantemente cercando di capire, analizzare, giudicare gli altri, lottare per cambiare l’altra persona.
Purtroppo, le persone non riescono a rendersi conto che questo è impossibile, siete tutti come dei computer che sono stati programmati e, quindi, non avete libero arbitrio.
Le vostre vite passate, i traumi della nascita, infanzia, educazione, cultura e tutto il vostro condizionamento sono in possesso di voi e delle vostre vite.
La tua vita scorre secondo questo programma.
Così, quando si sta cercando di capire e cambiare l’altra persona, è solo “un programma che tenta di modificare un altro programma“.

Questo gioco va avanti dalla nascita alla morte.

Supponete che state vedendo un film tutti i giorni, sperando che ci sarà un nuovo finale, un nuovo inizio.
Potrebbe davvero cambiare?
Tutti voi state cercando di cambiare l’altro nello stesso modo.
Quello che dovete fare è sperimentare l’altra persona completamente.
Quando il marito torna a casa e trova sua moglie che urla, lui deve fare esperienza di lei come se stesse guardando un film o stesse bevendo un bicchiere di succo di frutta.
Cosa è successo? Perché è successo?
Perché questa è la sua natura e non può essere realmente conosciuta.
Ricordate, è come sbucciare una cipolla.
Se fate esperienza di questo, la vita diventa Gioia.
Non importa ciò che sta accadendo.
Dovete solo sperimentare il programma.
Smettete di giudicare e di essere critici.
L’intero Universo è soffuso di Divinità.

Dal momento che la vostra mente è immersa nella Prakruthi (materialità) non siete in grado di vedere il Paramatma (Divino).

Proprio come quando si concentra l’attenzione su una collana, chiudete gli occhi ed è fatto, allo stesso modo fino a quando si guarda il mondo con un atteggiamento materialistico, la Divinità si spegne in voi.
Una volta che guardi il mondo con un atteggiamento divino si vede solo la Divinità.

Chi sono i ladri che rubano da ogni essere umano la loro pace e la gioia?

I ladri sono il desiderio, l’orgoglio, l’avidità, l’infatuazione, la rabbia e la gelosia, che derubano un uomo di tutte le sue ricchezze.
Ma il peggiore di tutti i ladri che infligge il danno peggiore è matsarya (l’invidia).

Dovete conquistare i vostri nemici interni e volgere lo sguardo verso la Divinità che pervade l’intero Universo».

Sri Amma Bhagavan

Invito alle Stanze Sacre di Sri Amma Bhagavan a Borgosesia (Vc)diksha_stanze sacreSabato 10 ottobre 2015, in AnandAnam Ashram. Posti limitati, prenotati subito!

Se vuoi ricevere la newsletter della Oneness University, iscriviti al link: http://onenessuniversity.org/newsletter/ indicando nome, cognome e indirizzo email. Al momento della sottoscrizione, riceverai un e-mail alla quale dovrai dare conferma per completare l’iscrizione.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Archivio storico su LiberaMenteServo.it:
Maestri/Diksha
Presenza Divina

La Oneness non è una religione, non è un culto, non è una filosofia, è semplicemente un Fenomeno come un passaggio di una cometa, un’eclissi solare o altri fenomeni naturali.

Questo fenomeno ha 850 anni e si è rivelato nel 1989, quando la sfera Dorata si è presentata ai bambini della scuola Jivashram che poi sono diventati insegnanti della Oneness University. Nel 1989 il fenomeno profetizzò molte rivelazioni e fin’ora si sono tutte realizzate.

Finora abbiamo percorso la strada lunga: Awakening, le sadhana ecc. Ora c’è la via breve: anche le persone mondane che non credono entrano nelle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers, chiedono al loro Divino di diventare fisico e succederà tutto velocemente.

La seconda cosa da capire è che Dio diventa Antaryamin dentro di voi, Il Dio che diventa Antaryamin dentro di voi e il Dio che vive nelle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers sono tutti coscienza collettiva, tutto è Paramatma. Quando voi pregate e chiedete, è quel centro che si chiama Dio -e che viene chiamato Paramatma- che arriva a voi come Antaryamin per voi, che fa miracoli, che arriva come esperienza, che vi sta osservando e questo Antaryamin arriva con un corpo specifico.

Bhagavan diceva che nel 2014 si sarebbe ritirato, perché il vostro Avatar sarebbe diventato fisico. Il Paramatma si rivelerà a voi nel modo più appropriato per voi. Le Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers sono una via breve verso il risveglio, la trasformazione, la realizzazione di Dio e la risoluzione di ogni genere di problema. Ciò che accade dipende dalla relazione che avete con il vostro Divino Personale.

Questo è davvero qualcosa che cambia le cose. Qualcosa che cambia le cose per tutta l’umanità.

Dovete aver pensato molto spesso: Dio, se ci sei, perché non vieni da me? Perché non mi parli? Perché non mi aiuti? Quello è esattamente ciò che sta accadendo. In India e nel resto del mondo, adesso, ci sono più di settecento di queste Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers. Arrivano tantissime persone ogni giorno e quasi tutte le loro preghiere vengono esaudite.

«Quando diventi illuminato ti rendi conto che non c’è nessuno scopo in questa creazione. C’è semplicemente perché c’è gioia nella creazione e la gioia esprime se stessa in tutte le forme. Quando ti illuminerai vedrai che c’è soltanto gioia, c’è solo Amore».
Da: Serate con Sri Bhagavan “Avatar dell’illuminazione“.

La Oneness e’ un Fenomeno, il suo scopo e’ quello di diffondere in tutto il pianeta lo spirito della Oneness. Si comincia con lo scoprire la Oneness in se stessi, nella famiglia, nella società e nel proprio paese. E non ci si ferma qui. Si scopre anche la Oneness sul pianeta, e la Oneness con ogni cosa che vive, e naturalmente la Oneness con l’universo, ed infine con il Divino. La trasformazione dell’individuo porta alla trasformazione globale.

Lo stato più elevato fra tutti è quello di Seva. Lo Spirito di Seva è intrinseco in ogni intuizione, realizzazione, esperienza mistica e Mukthi. E’ questo spirito che vi spinge a condividere con il mondo ciò che vi è stato dato».
Da insegnamenti: Sri Padmavathi Amma “La Madre Divina”.

Borgosesia (Vc): Invito alle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale by Stefano Re

Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale by Stefano Re Posted by Marco Marcoaldi on 16 settembre 2018 «Voglio …

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi