Siamo in guerra. Non posso usare mezzi termini. I dati sono impressionanti

Siamo in guerra. Non posso usare mezzi termini | I dati sono impressionanti

Siamo in guerra, non per mezzo di ordigni atomici nucleari ma per diffusione di antigeni ingegnerizzati.

Alcuni medici sparsi in vari ospedali non solo d’Italia, hanno eseguito accertamenti ematici a conferma dell’infezione che ha ucciso gran parte dei ricoverati.

I dati sono impressionanti.

Solo l’1% risulta affetta da Covid19, il restante 99% dai 17-18 ceppi della classica influenza stagionale.

Ma, il dato che più impressiona è che tra gli antigeni, sempre ingegnerizzati, vi è anche l’Orthomixovirus, alias vecchia influenza spagnola!!

Antigene ingegnerizzato vuol dire virus in possesso di un brevetto e TUTTI gli antigeni che stanno mietendo veramente molte vittime, ce l’hanno!!

Qui di seguito lascerò il link del CDC che spiega che il Covid19 esiste dal lontano 1960, non passato dagli animali all’uomo ma creato in laboratorio, quindi ingegnerizzato!! (Vedasi brevetto).

Sars, influenze stagionali, Covid19, Orthomixovirus e moltissime altre influenze, SONO DOTATE DI UN BREVETTO, MENTRE ANTIGENI E BATTERI SELVAGGI NON VENGONO MAI E PER ALCUN MOTIVO BREVETTATI!!

Non vi è NIENTE di naturale in queste infezioni.

Buona lettura!

NOTA: La parte di testo colorata in rosso corrisponde a notizia verificata, ma al momento ufficiosa. Per il momento la fonte preferisce mantenere l’anonimato fino a quando la ricerca sarà conclusa e resa pubblica attraverso i canali ufficiali.
Mi sono trovato nella condizione di scegliere tra il non pubblicarla oppure di pubblicarla senza la fonte. Ovviamente ho scelto di pubblicarla, e lascio al lettore la libertà di credere o non credere.
Per quanto riguarda i brevetti sui virus, chi desidera verificare può utilizzare i link ufficiali sopra elencati, e avvalersi anche di qualche screenshot che ho estratto e postato sotto, per facilitare la ricerca.
diinabandhu sevananda

—————————————————-

Estratto con screenshot
Estratto con screenshot
Estratto con screenshot
Estratto con screenshot
Estratto con screenshot

———————————-

LEGGI ANCHE: La pandémie ou le rapport prémonitoire de la CIA
https://www.egaliteetreconciliation.fr/La-pandemie-ou-le-rapport-premonitoire-de-la-CIA-58847.html

Un autre rapport de la CIA, plus ancien, datant de 2005, évoquait déjà la possibilité d’une pandémie mondiale due au coronavirus.

– La Rédaction d’E&R –

En 2009, l’historien et journaliste Alexandre Adler participait à un ouvrage prémonitoire. Dans Le nouveau rapport de la CIA – Comment sera le monde en 2025 ? (Robert Laffont), l’hypothèse d’une pandémie est décrite avec des détails annonciateurs de la crise sanitaire actuelle… […]

Dans Le nouveau rapport de la CIA – Comment sera le monde demain, paru aux éditions Robert Laffont, le conseil national du renseignement américain émet des hypothèses sur l’avenir du monde.

Parmi les scénarios envisagés, l’éventualité d’une pandémie mondiale. […]



Articolo interessante, aggiunto a scopo conoscitivo.

Fonte: https://www.facebook.com/DocMaurizioRomani/posts/3653346921406042?__tn__=K-R

Autore: Maurizio Romani

Non ho strumenti precisi per confermare questi studi, però ci dono due dati a sostegno di questa ipotesi: la prima è che diversi medici di base mi dicono che utilizzano l’eparina nei soggetti pauci sintomatici con buoni risultati insieme agli antinfiammatori. La seconda è che questo spiegherebbe il successo ottenuto con l’Ossigeno-Ozonoterapia nei soggetti ricoverati ad Udine, in quanto questa agisce meravigliosamente sul circolo sanguigno apportando una grande quantità di ossigeno alla periferia ed avendo contemporaneamente una grande azione antiossidante legando i radicali liberi circolanti.
Questo impedirebbe la coagulazione intravasale disseminata (DIC) responsabile di tromboembolie a livello polmonare….Ricevo dal collega Luigi Marino amico di un cardiologo che gli ha inviato queste considerazioni ed inoltro per mettervi a conoscenza:

“Non vorrei sembrarvi eccessivo ma credo di aver dimostrato la causa della letalità del coronavirus.
Solo al Beato Matteo ci sono 2 cardiologi che girano su 150 letti a fare ecocardio con enorme fatica e uno sono io. Fatica terribile!
Però, di quello che alcuni supponevano, ma non ne riuscivano a essere sicuri, ora abbiamo i primi dati.
La gente va in rianimazione per tromboembolia venosa generalizzata, soprattutto polmonare.
Se così fosse, non servono a niente le rianimazioni e le intubazioni perché innanzitutto devi sciogliere, anzi prevenire queste tromboembolie. Se ventili un polmone dove il sangue non arriva, non serve! Infatti muoiono 9 su 10. Perché il problema è cardiovascolare, non respiratorio! Sono le microtrombosi venose, non la polmonite a determinare la fatalità!E perché si formano trombi? Perché l’infiammazione come da testo scolastico, induce trombosi attraverso un meccanismo fisiopatologico complesso ma ben noto.Allora? Quello che la letteratura scientifica, soprattutto cinese, diceva fino a metà marzo era che non bisognava usare antinfiammatori. Ora in Italia si usano antinfiammatori e antibiotici (come nelle influenze) e il numero dei ricoverati crolla.
Molti morti, anche di 40 anni, avevano una storia di febbre alta per 10-15 giorni non curata adeguatamente. Qui l’infiammazione ha distrutto tutto e preparato il terreno alla formazione dei trombi. Perché il problema principale non è il virus, ma la reazione immunitaria che distrugge le cellule dove il virus entra. Infatti nei nostri reparti COVID non sono mai entrati malati di artrite reumatoide! Perché sono in terapia cortisonica.Questo è il motivo principale per cui in Italia le ospedalizzazioni si riducono e sta diventando una malattia curabile a casa.Curandola bene a casa eviti non solo l’ospedalizzazione, ma anche il rischio trombotico.Non era facile capirlo perché i segni della microembolia sono sfumati, anche all’ecocardio.
Ma questo we ho confrontato i dati dei primi 50 pazienti tra chi respira male e chi no e la situazione è apparsa molto chiara.Per me si potrebbe tornare a vita normale e riaprire le attività commerciali. Via quarantena.
Non subito. Ma il tempo di pubblicare questi dati. Il vaccino può arrivare con calma.In America e altri stati che seguono la letteratura scientifica che invita a NON usare antinfiammatori è un disastro! Peggio che in Italia.E parliamo di farmaci vecchi e che costano pochi euro”.

La testimonianza del collega parrebbe confermata dai protocolli di alcuni altri ospedali:
– al Sacco danno Clexane a tutti, con D-dimero predittivo: più è alto meno risponderà il pz.
– al San Gerardo di Monza Clexane e cortisone
– al Sant’Orsola di Bologna Clexane a tutti + protocollo condiviso con i medici di famiglia che prescrivono Plaquenil a pioggia su tutti i pz. monosintomatici a domicilio.

Integro con una precisazione sugli antinfiammatori:

La produzione di COX 2 è aumentata nei tessuti bersaglio virali da pazienti con infezione virale attiva e si è visto che la delezione della cox2 riduce la mortalità , mentre la delezione della cox1 è associata al peggioramento dell’infezione

Quindi i farmaci antinfiammatori tipo Brufen, naproxene, aspirina che inibiscono la cox1 oltre che la Cox 2 non andrebbero usati.

Mentre celecoxib un inibitore selettivo della Cox 2 sembra dare buoni risultati, bisogna comunque aspettare esito di studi, invece questa analisi porta in evidenza la necessità di usare negli stadi più avanzati della malattia una eparina a basso peso molecolare ad alte dosi… (Clexane 8.000 UI/die).

Evito (per non appesantire troppo l’esposizione, e perché il testo è troppo tecnico) di riportare un’interessante testimonianza di un anatomo-patologo: vi basti pensare che il “Papa Giovanni XXIII” di Bergamo ha eseguito 50 autopsie ed il “Sacco” di Milano 20 (quella italiana è la casistica più alta del mondo, i cinesi ne hanno fatte solo 3 e “minimally invasive”).

Tutto quanto ne esce sembra confermare in pieno le informazioni sopra riportate. In poche parole, pare che l’exitus sia determinato da una DIC (per i non medici, Coagulazione Intravascolare Disseminata) innescata dal virus.

Quindi la polmonite interstiziale non c’entrerebbe nulla, sarebbe stato soltanto un abbaglio diagnostico: abbiamo raddoppiato i posti in rianimazione, con costi esorbitanti, probabilmente inutilmente.

Col senno di poi, mi viene da ripensare a tutti quegli Rx Torace che commentavamo circa un mese fa: quelle immagini che venivano interpretate come polmonite interstiziale in realtà potrebbero essere del tutto coerenti con una DIC.


Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ha destato molto interesse la testimonianza del giovane manager italiano di una fra le più grandi banche d’affari mondiali dalla quale, nel 2005, si è licenziato perché si è rifiutato di vendere derivati che scommettevano sulle morti di aviaria. In questo link l’intervista rilasciata alla TV La7 trasmissione “Otto e mezzo” del 15-3-2012: (a 14,40′ dall’inizio: derivati su aviaria).

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Bill Gates ammette:
«I vaccini servono per diminuire la popolazione».

lospecchiodelpensiero /

Si sa che fra i complottisti gira l’idea che esistano dei “mondialisti” cattivi cattivi che, fra i loro scopi, hanno quello (udite udite!) di ridurre la popolazione mondiale.

E il motivo sarebbe semplice: questi cattivoni hanno tutto: denaro, potere, controllo dell’informazione, ecc, tranne una cosa: i numeri. Sono molto pochi, in confronto agli altri, che sono enormemente di più. E allora? Allora l’idea sarebbe quella di ridurre la popolazione mondiale, tramite guerre, carestie, terremoti, inquinamento, vaccini (vaccini? Sì, vaccini!) pessima alimentazione, ecc.

Chissà se è vero. Però è divertente vedere Bill Gates (sì proprio lui, il sig.Windows) che dice, testualmente, che per ridurre le emissioni di CO2 causato dall’uomo bisogna agire sui fattori che lo producono:

  • numero di persone,
  • quantità di consumi che queste persone fanno,
  • energia unitaria per consumo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Insomma, un approccio matematico. E analizzando le singole voci, partendo dalla eccessiva presenza di esseri umani (questo bestiame ingombrante, ma perchè sono così tanti?) dice testualmente: «Lavorando bene, con i servizi sanitari, la contraccezione e i vaccini potremmo forse ridurre la popolazione del 10-15%».

Ma come? La sanità e i vaccini servono per diminuire la popolazione? Avrò capito male? … No, no, l’ha proprio detto, c’è il video su youtube che lo documenta!

Vaccinazione, il killer silenzioso … la storia si ripete

Abbiamo barattato orecchioni e morbillo contro cancro e leucemia

CLICCA QUI per leggere l’articolo

vaxxed-censurato-big-pharma-bigpharma

 

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Diffusione CVD-19 a livello globale. Le mappe e la App

Diffusione CVD-19 a livello globale. Le mappe e la App La mappa satellitare dei contagi …

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi