Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Rifletti! Prima di fare del male a un altro essere

 

Rifletti! Prima di fare del male a un altro essere
Molto spesso il pentimento non pone rimedio al male compiuto …
meglio usare il cuore fin che si è in tempo.

 

Una metafora

C’era una volta un bambino che compiva azioni pesanti, facendo arrabbiare tutti e arrecando molto dolore con i suoi misfatti e i suoi insulti.
Un giorno, però, il bambino comprese il male che stava facendo e ne provò dispiacere.  Prese così la decisione di diventare “buono”.
Andò dal nonno e gli disse: «Nonno come posso fare per diventare più buono?»
Il nonno, persona saggia, gli rispose: «Vedi quella staccionata laggiù? Ogni volta che ti renderai conto di aver compiuto una cattiva azione dovrai andarci e piantarci un chiodo».
Il bambino fu un po’ sorpreso da questo consiglio, poi però decise di procedere come gli aveva consigliato il nonno.
Nonostante le buone intenzioni, inizialmente i chiodi nella staccionata furono molti!
Poco alla volta, però, la frequenza con cui il bambino inchiodava diminuì, fino a quando arrivò il giorno benedetto in cui il bambino non ne piantò neppure uno!
Tutto contento, il piccolo corse dal nonno ed esclamò: «Nonno! Finalmente non faccio più le cattive azioni!».
Il nonno rispose «Bene. Sei stato bravo! Adesso vai alla staccionata, e con questa pinza comincia a togliere tutti i chiodi che hai piantato»; il bambino, molto contento, eseguì l’istruzione che l’amato nonno gli aveva dato.
Ci volle un bel po’ di tempo, ma alla fine tutti i chiodi furono rimossi. Con molta soddisfazione il bambino chiamò suo nonno e gli fece vedere, orgoglioso di se stesso, di aver concluso il compito.
Fu allora che il nonno gli disse: «Amato nipote … cosa noti nella staccionata?».
Il piccolo portò l’attenzione alla staccionata ed osservò che questa era piena di buchi. I chiodi non c’erano più … ma il legno era danneggiato dai molti buchi che erano rimasti al posto dei chiodi.
«Ecco, amato nipote, questo è il male che hai causato», disse con dolcezza il nonno.  «Molto spesso quando facciamo del male a qualcuno, anche se ci pentiamo e chiediamo perdono, le ferite rimangono, così come sono rimasti i buchi dei chiodi. Quando litighi con qualcuno, quando gli dici qualcosa di brutto, gli lasci delle ferite come queste. Se infilzi un coltello in un essere, e poi lo togli, rimarrà per sempre una ferita, e poi una cicatrice. Non importa quante volte ti scuserai, la cicatrice rimarrà. Ricordati che molto spesso una ferita verbale è molto più dolorosa di una fisica».

 

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

La creazione è matematica! Pitagora e Fibonacci lo dimostrano

La creazione è matematica! Pitagora e Fibonacci lo dimostrano Pitagora enunciò che tutto è numero! …

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi