Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Oneness University, messaggio del 30/12/2015

 

oneness-2015-12-30

Oneness University, messaggi quotidiani

L’azione nata dalla consapevolezza è l’azione perfetta.
Sri Amma Bhagavan, 30 dicembre 2015

SRI BHAGAVAN – LA CONSAPEVOLEZZA È LA CHIAVE
Traduzione a cura di Paola Eleonora Raschellà

SRI BHAGAVAN: In sostanza, l’intero insegnamento della Oneness potrebbe essere riassunto in una sola parola, CONSAPEVOLEZZA. Molto spesso riceviamo domande che affermano: “Guarda, io so di essere brutto, provo gelosia, non provo amore, ho rabbia, ho violenza e sto cercando di sperimentare la sofferenza e non succede, e quando desidero cambiare, trovo che sono impotente”.
Ciò che è più importante nella Oneness è capire che il contenuto della vostra mente NON È AFFATTO importante.
Potrebbe essere qualsiasi cosa. Potrebbe essere violenza, non-violenza, rabbia, odio, gelosia, frustrazione, paura … tutta la vasta gamma di pensieri, sentimenti ed emozioni. Noi non ci preoccupiamo di loro. Perché non stiamo cercando di cambiare. Non vi è alcun tentativo di cambiare, perché non possiamo cambiare. Non possiamo cambiare, perché queste sono le proprietà della mente umana che è molto antica e c’è una sola mente.
Che cosa stiamo cercando di fare? Che cos’è questo cambiamento di cui stiamo parlando?
Da un lato, diciamo nessun cambiamento e dall’altro sembra che parliamo ancora di una sorta di cambiamento. Tutto quello di cui stiamo parlando è: “Per favore, diventa intensamente consapevole di ciò che sta accadendo”. Questo è tutto. Non c’è nient’altro che si possa fare. Non c’è nient’altro che dovresti fare. È per questo che ne stiamo parlando come SFORZO SENZA SFORZO. L’unico sforzo è diventare un poco consapevole di ciò che sta succedendo e poi dire: “Va bene. Fammi prendere coscienza”. Questo è tutto.
Poi, appena tenti di prendere coscienza, ti renderai conto che è quasi impossibile. È così difficile all’inizio. Questo è quando getti la spugna e dici: “Oh mio Dio, non è possibile”. Noi diciamo “Questo è il tempo in cui faresti bene ad arrenderti”. Questo arrendersi non è una sorta di resa servile. È solo la consapevolezza che non puoi fare nulla e che non cambia niente. È allora che invochi il divino per una benedizione. Poi la benedizione ti porterà dove dovresti andare. E dove vai? Non vai da nessuna parte, perché innanzitutto non c’è nessun luogo dove andare. Diventi solamente sempre più consapevole di ciò che sta accadendo.
E l’insegnamento dice che il primo passo è l’ultimo passo. Questo non vuol dire che dopo aver fatto il primo passo che tu stia andando da qualche parte. Non stai andando proprio da nessuna parte, per il semplice motivo che non c’è nessun luogo dove andare. Allora qual è il primo passo?
Il primo passo è la consapevolezza.
Qual è l’ultimo passo? La consapevolezza.
Allora, cosa c’è? C’è solo consapevolezza. La consapevolezza è tutto e la fine di tutte le cose.
Per favore, cerca di comprendere che la consapevolezza non ti porterà da qualche parte. Non ti libererà dalla gelosia. Comprendi che la consapevolezza non ti libererà dalla rabbia. E non farà di te un santo. No, per niente. La Consapevolezza ti darà la libertà dalla gelosia, la libertà dalla rabbia, la libertà dall’odio. Smetterai di preoccuparti di loro e smetterai di cercare di cambiarli.
Ciò che è in principio è la consapevolezza. Ciò che è in mezzo è la consapevolezza. Ciò che è alla fine è la consapevolezza. Quando sei consapevole sei completamente sveglio, quando sei sveglio sei vivo e non più nella sola esistenza.
In questo momento sei in uno stato di sogno ad occhi aperti. Per tutto il tempo, sei coinvolto nel conflitto che il pensiero sta producendo.
Tu sei da qualche parte e stai cercando di arrivare da qualche parte. Questo è il movimento del pensiero. Tu sei impegnato in questo e tu sei coinvolto in quello. Questo è il motivo per cui non vivi, ma stai semplicemente esistendo. Questa situazione è destinata a cambiare nel
2012. Accadrà a molte persone anche prima se comprenderanno correttamente gli insegnamenti.
Quindi lo ripeto, non stai andando da nessuna parte. Non cambierai nulla. Non c’è niente che tu possa cambiare. Tutto ciò che ci aspettiamo da te, per favore, è di diventare intensamente consapevole di ciò che sta accadendo. È un film bellissimo che puoi goderti. Non c’è un film migliore di questo. E non puoi leggere nessun libro migliore di questo. Non puoi leggerlo fino a quando non c’è consapevolezza.
ESSERE CONSAPEVOLI È TUTTO QUELLO CHE C’È.
Per essere consapevole devi avere la Presenza in te. Man mano che approfondisci la consapevolezza, la Presenza si approfondisce. E arriva un momento in cui sei così intensamente consapevole del fatto che la Presenza è quasi completamente lì.
La Presenza è ciò che chiami Dio. A quel punto diventi Dio. Tu e la Presenza siete totalmente uno. Tu, la Consapevolezza e la Presenza diventerete completamente uno. Questo è quando tu stesso vedi che sei Dio. Stiamo cercando di arrivare lì.
Quindi, spero che da questo momento in poi vedrai solo quello che sta succedendo. Non cercare di fare qualcosa per esso. Non c’è niente che tu possa fare. È solo lì. Questa è la verità. Questa è L’INTEGRITÀ INTERIORE. Questo è essere autentici. Non essere ad esso indifferente, per favore, ma sii intensamente consapevole di esso.
Questo è tutto quello che devi fare.
Questo è l’insegnamento della Oneness. Questo è l’insegnamento fondamentale.
Altri insegnamenti sono prevalentemente di supporto. Come ho detto il primo passo è come l’ultimo passo. Fanne esperienza. Quando tenti di farne esperienza, non avviene alcuna esperienza. Quando sei consapevole, l’esperienza si attiva automaticamente.
Stai sperimentando la realtà così com’è, semplicemente quello che stiamo cercando di descrivere, ma poi tu tenti di metterci uno sforzo: “Va bene, ora devo provare sofferenza”. “Va bene, devo sperimentare la realtà come è”. “Va bene sarò un essere umano migliore”.
Non esiste una cosa come un essere umano migliore o un essere umano inferiore.
Da questa consapevolezza l’azione sorge spontaneamente. Questo è ciò che noi chiamiamo AZIONE. Tutto il resto non si può chiamare azione, ma è solo ATTIVITÀ. Questa azione, alcuni possono chiamarla – quelli che non sono risvegliati – buona azione e alcuni possono chiamarla cattiva azione, azione giusta o azione sbagliata. Per chi è risvegliato, è solo azione. Per lui, è un’AZIONE PERFETTA.
Questa deriva dalla consapevolezza completa.

Fonte/pdf

SRI BHAGAVAN TEACHING – AWARENESS IS THE KEY
Added by Oneness Maria on August 27, 2010 at 10:57am
(Understanding Inner Integrity)

SRI BHAGAVAN: Basically, we could put the entire Oneness teaching into one word, That is AWARENESS. So, very often we are getting questions like saying, “Look I know I have ugliness, I have jealousy, I have no love, I have anger, I have violence and I am trying to experience suffering and now it’s not happening and when is it I’m going to change and I find that I am helpless”. What is most important to understand in Oneness is the content of your mind is NOT AT ALL important. It could be anything. It could be violence, non-violence, anger, hatred, jealousy frustration, fear, what not. All that whole range of thoughts, feelings and emotions. We’re just not concerned about them. Because we are not trying to change at all. There is no effort to change because we cannot change. We cannot change because these are the properties of the human mind which is very ancient and there is only one mind. What is it we’re trying to do? What is this change we’re talking about? On the one hand, we say no change and on the other hand, we still do seem to talk about some sort of change. All that we are talking about is please become intensely aware of what is going on. That’s all. There is nothing else you could do. There is nothing else you should do. That is why we’re talking about it as effortless effort. The only effort is slightly becoming aware of what is going on and then saying. “Okay. Let me become aware.” That’s all. Then, as you try to become aware, you will realize it’s next to impossible. It’s that difficult to start with. That’s when you throw in the towel and say “Oh my God it is not possible.” That is the time, we say, you better surrender. This surrender is not some kind of slavish surrender. It’s just the realization that you cannot do anything and nothing is happening. It’s then that you invoke the divine through a blessing. Then the blessing will take you where you should go. And where do you go? You go nowhere because there is nowhere to go in the first place. You only become more and more aware of what is going on. And the teaching says that first step, the last step. This does not mean that after you have taken the first step, you are going to go somewhere. You are not going to go anywhere at all for the simple reason there is nowhere to go. So what’s the first step? The first step is awareness. What’s the last step? Awareness. So what is there? There is only awareness. Awareness is the be all and end all of all things. Please understand that awareness is not going to take you anywhere. It is not going to free you of jealousy. Understand that awareness is not going to free you from anger. It’s not going to make you into a saint. No, not at all Awareness will only be giving you freedom WITH jealousy, freedom with anger, freedom with hatred. You will stop tampering with them and you will stop trying to change them. What is in the beginning is awareness. What is in the middle is awareness. What is in the end is awareness. When you are aware, you are fully awake, When you are awake, you are living and no more existing. Right now you are in the state of day dreaming. All the while, you ar caught up in this conflict the thought is producing. You are somewhere and you’re trying to get somewhere. That is the movement of thought. You are engaged in this and you are caught up in that. That is why you do not live, but you are merely existing. This is the situation which is going to change in the year 2012. Even before that it is going to happen to lots of people if you correctly understand the teachings. So I’ll repeat, you are not going anywhere. You are not going to change anything. There is nothing you can change. All that we’re expecting from you is please become intensely aware of what is going on. It’s a beautiful movie that you could enjoy. There is no better movie than that. And no better book you can read than that. You cannot read it as long as there is no awareness. TO BE AWARE IS ALL THERE IS. To be aware is to have the presence in you. As your awareness deepens, the presence deepens. And there comes a  point when you are so intensely aware that the presence is almost completely there. The presence is what you call God. At that point you become God. You and the presence are totally one. You, the awareness and the presence
will all completely become one. That’s when you see for yourself that you are God. We are trying to get there. So, I hope that from this moment onwards, you will just see what is going on. Don’t try to do anything to it. There is nothing you can do to it. It’s just there. That is the truth. That is INNER INTEGRITY. That is being authentic. Don’t be indifferent to It, please, but be intensely aware of it.That’s all you have to do. That is the Oneness teaching. That’s the most fundamental teaching. Other teachings are mainly supportive of it. Like saying the first step is like the last step. Experience it. When you try to experience it, there is no experiencing at all. When you’re aware, experience is automatically taking place.
You are experiencing reality as it is. What we are merely trying to describe, but then you try to put an effort, “Okay, I must now experience suffering. All right, I must experience reality is at is. All right I’ll be a better human being.” There is no such thing as a better human being or a lower human being.Out of this awareness action arises spontaneously. That is what we call action. Everything else you may call action, but it is merely activity. This action — some may call it who are not awakened good action and some may call it bad action, right action or wrong action. For someone who is awakened, it is just action. For him, it is perfect action. This arises from complete awareness.

Excerpt from Sri Bhagavan’s Teleconference to North America 20 December 2009 (Gratitude to Noni Kaufman for the transcript). Last updated by Oneness Maria Aug 27, 2010.

Oneness Awakening Course (per diventare Diksha Giver) a Borgosesia (Vc)
Un corso per ottenere uno stato di unione sia con il mondo interiore, sia con quello esteriore

Sabato 23 e Domenica 24 Gennaio 2016 – Iscrizioni entro il 13 gennaio 2016

8 Passi verso il proprio Risveglio Interiore

oneness-awakening-course-image-1-660-330

CLICCA QUI PER LE INFO COMPLETE

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Archivio storico su LiberaMenteServo.it:
Maestri/Diksha
Presenza Divina

La Oneness non è una religione, non è un culto, non è una filosofia, è semplicemente un Fenomeno come un passaggio di una cometa, un’eclissi solare o altri fenomeni naturali.

Questo fenomeno ha 850 anni e si è rivelato nel 1989, quando la sfera Dorata si è presentata ai bambini della scuola Jivashram che poi sono diventati insegnanti della Oneness University. Nel 1989 il fenomeno profetizzò molte rivelazioni e fin’ora si sono tutte realizzate.

Finora abbiamo percorso la strada lunga: Awakening, le sadhana ecc. Ora c’è la via breve: anche le persone mondane che non credono entrano nelle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers, chiedono al loro Divino di diventare fisico e succederà tutto velocemente.

La seconda cosa da capire è che Dio diventa Antaryamin dentro di voi, Il Dio che diventa Antaryamin dentro di voi e il Dio che vive nelle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers sono tutti coscienza collettiva, tutto è Paramatma. Quando voi pregate e chiedete, è quel centro che si chiama Dio -e che viene chiamato Paramatma- che arriva a voi come Antaryamin per voi, che fa miracoli, che arriva come esperienza, che vi sta osservando e questo Antaryamin arriva con un corpo specifico.

Bhagavan diceva che nel 2014 si sarebbe ritirato, perché il vostro Avatar sarebbe diventato fisico. Il Paramatma si rivelerà a voi nel modo più appropriato per voi. Le Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers sono una via breve verso il risveglio, la trasformazione, la realizzazione di Dio e la risoluzione di ogni genere di problema. Ciò che accade dipende dalla relazione che avete con il vostro Divino Personale.

Questo è davvero qualcosa che cambia le cose. Qualcosa che cambia le cose per tutta l’umanità.

Dovete aver pensato molto spesso: Dio, se ci sei, perché non vieni da me? Perché non mi parli? Perché non mi aiuti? Quello è esattamente ciò che sta accadendo. In India e nel resto del mondo, adesso, ci sono più di settecento di queste Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers. Arrivano tantissime persone ogni giorno e quasi tutte le loro preghiere vengono esaudite.

«Quando diventi illuminato ti rendi conto che non c’è nessuno scopo in questa creazione. C’è semplicemente perché c’è gioia nella creazione e la gioia esprime se stessa in tutte le forme. Quando ti illuminerai vedrai che c’è soltanto gioia, c’è solo Amore».
Da: Serate con Sri Bhagavan “Avatar dell’illuminazione“.

La Oneness e’ un Fenomeno, il suo scopo e’ quello di diffondere in tutto il pianeta lo spirito della Oneness. Si comincia con lo scoprire la Oneness in se stessi, nella famiglia, nella società e nel proprio paese. E non ci si ferma qui. Si scopre anche la Oneness sul pianeta, e la Oneness con ogni cosa che vive, e naturalmente la Oneness con l’universo, ed infine con il Divino. La trasformazione dell’individuo porta alla trasformazione globale.

«Lo stato più elevato fra tutti è quello di Seva. Lo Spirito di Seva è intrinseco in ogni intuizione, realizzazione, esperienza mistica e Mukthi. E’ questo spirito che vi spinge a condividere con il mondo ciò che vi è stato dato».
Da insegnamenti: Sri Padmavathi Amma “La Madre Divina”.

Borgosesia (Vc): Invito alle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale by Stefano Re

Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale by Stefano Re Posted by Marco Marcoaldi on 16 settembre 2018 «Voglio …

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi