Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Oneness University, messaggio del 10/03/2016

oneness-2016-03-10

Oneness University, messaggi quotidiani

L’intero processo di crescita spirituale consiste nell’affrontare se stessi.
Sri Bhagavan, 10 marzo 2016

Il Diksha di Sri BhagavanEnza Carifi: «Dopo il mio ritorno dal viaggio in India e le esperienze vissute durante il mio corso alla Oneness University, avevo acquisito una consapevolezza: non si può arrivare all’illuminazione se non si comprende cos’è, e non ci si può illuminare se non passando attraverso la conoscenza della verità su sé stessi, e il vivere con resa tutte le proprie emozioni. Ci vuole una preparazione emotiva, bisogna avere riconosciuto e accettato le proprie debolezze.
Spesso, invece, noi evitiamo di affrontare la nostra debolezza perché non riusciamo in definitiva ad affrontare noi stessi. Pensiamo inoltre che l’illuminazione sia uno stato di onnipotenza in cui non solo saremo in grado di esercitare una sorta di dominio sugli altri, ma soprattutto terremo sotto controllo i nostri limiti.
Così facendo, però, l’essere umano non si mette in grado di fronteggiare la sua avidità di successo e non scopre che dietro di essa si cela un senso di inadeguatezza; cercherà, come fa abitualmente, di ottenere più potere e gloria anche dal percorso spirituale e farà funzionare la sua ambizione come in qualsiasi altro contesto.
A volte, invece, ci si rivolge alla spiritualità per pigrizia e disinteresse verso la trasformazione genuina, mentre una delle tante voci interiori magnifica l’ego indossando l’abito dell’uomo spirituale e parlando con tono suadente.
Ma la spiritualità vera rifugge dai falsi desideri e non si fa incantare dalle bramosie che ci governano da sempre; non basta nemmeno vivere delle esperienze mistiche o momenti di estasi e beatitudine, di pace e fusione con la vita per pensare che oramai siamo esseri superiori e straordinari solo perché siamo capaci di provare tali sensazioni.
Io stesso ammetto di aver commesso questo errore. Ma oggi posso serenamente affermare che non mi farei incantare nemmeno se vedessi camminare qualcuno sull’acqua. Non che queste esperienze siano di per sé controproducenti, sono solo degli sporadici episodi limite di estasi e non il “risveglio“.
Per questo condivido pienamente l’insegnamento di Sri Bhagavan e desidero diffonderlo con il mio lavoro: l’uomo è salvo solo se si libera dalla schiavitù della sua mente.

Il Diksha, lo ripeto, non serve a illuminare, ma a risvegliare la consapevolezza dell’uomo che nasce illuminato».

Tratto dal libro “Il Diksha di Sri Bhagavan: Un viaggio verso il risveglio e la consapevolezza”, di Osvaldo Sponzilli ed Enza Carifi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Archivio storico su LiberaMenteServo.it:
Maestri/Diksha
Presenza Divina

La Oneness non è una religione, non è un culto, non è una filosofia, è semplicemente un Fenomeno come un passaggio di una cometa, un’eclissi solare o altri fenomeni naturali.

Questo fenomeno ha 850 anni e si è rivelato nel 1989, quando la sfera Dorata si è presentata ai bambini della scuola Jivashram che poi sono diventati insegnanti della Oneness University. Nel 1989 il fenomeno profetizzò molte rivelazioni e fin’ora si sono tutte realizzate.

Finora abbiamo percorso la strada lunga: Awakening, le sadhana ecc. Ora c’è la via breve: anche le persone mondane che non credono entrano nelle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers, chiedono al loro Divino di diventare fisico e succederà tutto velocemente.

La seconda cosa da capire è che Dio diventa Antaryamin dentro di voi, Il Dio che diventa Antaryamin dentro di voi e il Dio che vive nelle Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers sono tutti coscienza collettiva, tutto è Paramatma. Quando voi pregate e chiedete, è quel centro che si chiama Dio -e che viene chiamato Paramatma- che arriva a voi come Antaryamin per voi, che fa miracoli, che arriva come esperienza, che vi sta osservando e questo Antaryamin arriva con un corpo specifico.

Bhagavan diceva che nel 2014 si sarebbe ritirato, perché il vostro Avatar sarebbe diventato fisico. Il Paramatma si rivelerà a voi nel modo più appropriato per voi. Le Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers sono una via breve verso il risveglio, la trasformazione, la realizzazione di Dio e la risoluzione di ogni genere di problema. Ciò che accade dipende dalla relazione che avete con il vostro Divino Personale.

Questo è davvero qualcosa che cambia le cose. Qualcosa che cambia le cose per tutta l’umanità.

Dovete aver pensato molto spesso: Dio, se ci sei, perché non vieni da me? Perché non mi parli? Perché non mi aiuti? Quello è esattamente ciò che sta accadendo. In India e nel resto del mondo, adesso, ci sono più di settecento di queste Sri Amma Bhagavan Sacred Chambers. Arrivano tantissime persone ogni giorno e quasi tutte le loro preghiere vengono esaudite.

«Quando diventi illuminato ti rendi conto che non c’è nessuno scopo in questa creazione. C’è semplicemente perché c’è gioia nella creazione e la gioia esprime se stessa in tutte le forme. Quando ti illuminerai vedrai che c’è soltanto gioia, c’è solo Amore».
Da: Serate con Sri Bhagavan “Avatar dell’illuminazione“.

La Oneness e’ un Fenomeno, il suo scopo e’ quello di diffondere in tutto il pianeta lo spirito della Oneness. Si comincia con lo scoprire la Oneness in se stessi, nella famiglia, nella società e nel proprio paese. E non ci si ferma qui. Si scopre anche la Oneness sul pianeta, e la Oneness con ogni cosa che vive, e naturalmente la Oneness con l’universo, ed infine con il Divino. La trasformazione dell’individuo porta alla trasformazione globale.

«Lo stato più elevato fra tutti è quello di Seva. Lo Spirito di Seva è intrinseco in ogni intuizione, realizzazione, esperienza mistica e Mukthi. E’ questo spirito che vi spinge a condividere con il mondo ciò che vi è stato dato».
Da insegnamenti: Sri Padmavathi Amma “La Madre Divina”.

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale by Stefano Re

Lettera a chi sostiene l’obbligo vaccinale by Stefano Re Posted by Marco Marcoaldi on 16 settembre 2018 «Voglio …

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi