Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La Terza Guerra Mondiale comincia il 20 Novembre 2016: Allarme Rosso!

La Terza Guerra Mondiale comincia il 20 Novembre 2016.
Memorizzate bene questa data! Allarme Rosso!

Tratto dal libro “GOD’S ROADMAP TO THE END
“LA TABELLA DI MARCIA DI DIO VERSO LA FINE”
Autore del libro: Jaco Prinsloo.
Parte 1: DISSIGILLARE LE PROFEZIE DI DANIELE
Traduzione di Angela Marzatico.

jaco-prinslooJaco Prinsloo. «Sono un ingegnere meccanico e lavoro per una società che si occupa del controllo e dell’ottimizzazione industriale. Sebbene trovi l’ingegneria molto interessante, mi piacciono anche temi che riguardano la natura spirituale dell’umanità. Ci sono talmente tante credenze nel mondo che trattano le questioni spirituali, e siccome viviamo in un periodo nel quale il mondo si avvicina rapidamente ad una transizione importante che ci attende, trovo affascinante studiare i temi che le riguardano. La domanda più importante che ogni persona dovrebbe farsi è la seguente: «Come so che ciò in cui credo riguardo ai temi spirituali e la vita dopo la morte o che la mancanza di conoscenza di questi temi sia veramente la Verità?». Potrebbe esserci un altro modo di valutare un tema di natura spirituale e mettere quest’informazione in relazione con l’essere umano che usa i 5 sensi e la logica a tal fine? Queste sono le sfide che mi piace accettare».

Commento del sito/fonte, Le Nouvel Ordre Mondial: «La parola di Dio, la Bibbia, che è composta dall’Antico e dal Nuovo Testamento, predice chiaramente l’inizio della Terza Guerra Mondiale intorno al 20 novembre 2016. Questa guerra si intensificherà nel corso di una decina di mesi per terminare in modo brutale il 23 settembre 2017. Numerose nazioni saranno coinvolte in questo conflitto e Israele sarà intrappolata nel pieno della tormenta. Inoltre bisogna aggiungere che nel tempo aumenterà l’attività sismica e che la magnitudo dei terremoti sarà sempre più spettacolare. Dobbiamo temere diversi eventi celesti come l’incontro Nibiru/Pianeta X/Nemesis. Il 23 settembre 2017 ci sarà un altro evento che porrà fine a questa guerra imminente».

Parte 1: Risolvere le profezie misteriose di Daniele
LA TABELLA DI MARCIA DI DIO VERSO LA FINE
DISSIGILLARE LE PROFEZIE DI DANIELE

Benvenuti sul canale YouTube, per “LA TABELLA DI MARCIA DI DIO VERSO LA FINE“. Lo scopo di questo canale è di condividere con voi nuove informazioni e comprensioni delle profezie contenute nella parola di Dio, la Bibbia, che possono essere applicate al periodo di tempo che ci attende nell’immediato.

Lo scopo di questo video è il seguente:

  • Prima di tutto per confermare la speranza benedetta che Gesù ha promesso a coloro che attendono ardentemente il Suo ritorno e desiderano unirsi a Lui.
  • Dimostrare come Dio ci riveli informazioni che dovevano essere scoperte solamente nel tempo che precede gli ultimi sette anni sulla Terra.
  • Provare l’attendibilità e la veridicità della parola di Dio a coloro che dubitano e che saranno lasciati indietro dopo che sarà avvenuto il ‘rapimento‘.

Prego che questi video su questo canale vi mostrino come Dio ha nascosto informazioni nelle Sue parole che ora ha cominciato a rivelarci e a darci una migliore comprensione circa il tempo in cui avverranno specifici eventi. Questi eventi si collegano alle profezie contenute sia nel Vecchio Testamento che nel Nuovo Testamento.

Prima di cominciare, devo darvi alcune informazioni necessarie, ma vi prometto che se continuate a guardare il video fino alla fine, vi imbatterete in rivelazioni strabilianti date dalle parole di Dio. Prima di tutto devo spiegare e chiarire il mio approccio alle parole di Dio e credo che non dovremmo accettare qualsiasi informazione sotto forma di profezia o predizione che traggono origine al di fuori della parola di Dio, e che ogni cosa che Dio abbia voluto che noi sapessimo è contenuta nelle Sue parole, e che le informazioni da Lui trasmesse a coloro che scrissero la Bibbia dovevano essere comprese così come sono scritte, usando riferimenti alle lingue originali per aiutarci a chiarire e convalidare la nostra comprensione nei casi in cui il significato originale possa essere divenuto opinabile in seguito alle traduzioni. Credo che Dio dica quello che vuole dire ed intenda ciò che dice. Credo anche che sia meglio interpretare la parola di Dio rimanendo il più vicino possibile all’interpretazione letterale. Anche Gesù è stato chiaro affermando che non ci è permesso aggiungere o togliere qualcosa dalle Sue parole, come si può vedere nell’Apocalisse 22 versetto 12: «e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell’albero della vita e della città santa, descritti in questo libro».

Credo che per dare valore alla parola di Dio sia molto importante per  noi valutare le nostre opinioni e conclusioni basate su ciò che abbiamo letto e su quello che pensiamo di comprendere comparate con altri passaggi della parola di Dio. Con ciò voglio dire che le nostre opinioni e conclusioni su un passaggio specifico delle parole di Dio causano contraddizioni con un altro passaggio della Bibbia. Sappiamo che le nostre conclusioni sono sbagliate e che il nostro punto di vista deve essere riveduto. Credo che quando giungiamo a certe conclusioni, specialmente su temi che sono difficili da comprendere o sui cui esistono molte opinioni differenti anche nel corpo di Cristo, è meglio adottare il punto di vista che si avvicina di più alla parola di Dio. È fondamentale arrivare ad una conclusione  che non è in contraddizione con altri passaggi della Bibbia.

Avendo detto questo, ora conoscete il mio approccio alla lettura ed alla comprensione della parola di Dio, e che negli studi che discuteremo qui è questo il modo in cui noi si avviciniamo e studiamo la parola di Dio. Avremo riferimenti storici e situazioni attuali per mostrare che in ciò che Dio ha scritto nelle Sue parole c’è la prova dell’attendibilità e dell’autenticità delle informazioni contenute nella Bibbia.

Credo che ciò che ci aspetta sia incredibile, uno dei periodi più significativi che cambierà il corso della storia sulla Terra come noi la conosciamo. Sarà un appuntamento terribile e spaventoso per il mondo e coloro che affronteranno la morte nei prossimi anni.

In questo video introduttivo, per scoprire la tabella di marcia di Dio verso la fine, incominceremo a guardare ciò che Dio ha cominciato a rivelare con le profezie che erano destinate ad essere comprese in questo specifico momento del tempo. Sto studiando le profezie della Bibbia da più di 25 anni ed in tutto questo tempo Dio ha aumentato un po’ alla volta la mia comprensione e mi ha rivelato nuove informazioni di cui non ho mai parlato prima. Per me è un privilegio condividere con voi tutto questo. Quello che mi ha sempre affascinato è il fatto che Dio abbia mostrato a Giovanni una visione specifica nell’Apocalisse 10, nella quale gli è stato mostrato che cosa dicevano i sette tuoni e quando Giovanni voleva scrivere ciò che era stato detto, gli fu detto di non scriverlo. Questo è ciò che il passaggio trasmette chiaramente:

  1. E vidi un altro angelo, possente, discendere dal cielo, avvolto in una nube; l’arcobaleno era sul suo capo e il suo volto era come il sole e le sue gambe come colonne di fuoco.
  2. Nella mano teneva un piccolo libro aperto. Avendo posto il piede destro sul mare e il sinistro sulla terra,
  3. Gridò a gran voce come leone che ruggisce. E quando ebbe gridato, i sette tuoni fecero udire la loro voce.
  4. Dopo che i sette tuoni ebbero fatto udire la loro voce, io ero pronto a scrivere, quando udii una voce dal cielo che diceva: «Metti sotto sigillo quello che hanno detto i sette tuoni e non scriverlo».

La mia domanda è sempre stata questa: «Qual era lo scopo di Dio nel mostrare a Giovanni cose che Giovanni avrebbe compreso, ma nascondendo volutamente le informazioni a coloro che avrebbero letto il messaggio? Sappiamo che Giovanni sapeva che cosa avevano detto i sette tuoni e che Dio voleva che noi sapessimo che quest’informazione era stata data solo a Giovanni. Perché Dio fece questo e perché tenne nascosta quest’informazione? Questo punto è stato sempre fonte di frustrazione per me, perché non posso smettere di scavare nelle parole di Dio fino a quando non troverò la risposta a quesiti come questi. Finalmente credo che Dio mi abbia rivelato perché ha fatto questo: è qualcosa che ha a che fare con il periodo noto come ‘il tempo della fine’. Ed io vi dimostrerò che cosa voglio dire».

Dio nelle Sue parole usa degli schemi per istruirci meglio sul Suo carattere e su come agisce in situazioni specifiche. Molto di ciò di cui discuteremo in questo video e negli studi futuri si concentrerà sull’uso di schemi nelle Sue parole da parte di Dio. Credo che Dio lo faccia per rivelare più aspetti di Sé, e per permetterci di scoprire ulteriori informazioni e di comprendere meglio alcuni passaggi, utilizzando schemi riconoscibili, che possono essere scoperti solo studiando la Bibbia e il Santo Spirito, indicandoli specificamente e rendendoci consapevoli di come i vari pezzi combacino. Di solito comprendiamo questi schemi solamente in un senso che guarda al futuro, per esempio Dio ci rivela qualcosa nel Vecchio Testamento usando uno schema specifico  che si collega all’ordine in cui eventi specifici sono avvenuti. Potrebbe anche rappresentare un modello specifico usato o modelli introdotti quando sono descritte specifiche situazioni o persone specifiche che sono applicati anche in altri casi.

Se mettete in discussione la validità di questo approccio. i passaggi seguenti comprovano il fatto che Dio ci rivela Se Stesso in un modo attendibile e ripetibile.

Ebrei 13, 8: «Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre!».

Ebrei 10, 7: «Allora ho detto: Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per fare, o Dio, la tua volontà».

Isaia 28, 10: «Sì: precetto su precetto, precetto su precetto, norma su norma, norma su norma, un po’ qui, un po’ là». 

Ecclesiaste 1, 9: «Ciò che è stato sarà e ciò che si è fatto si rifarà; non c’è niente di nuovo sotto il sole».

Dobbiamo tenere a mente questi versetti quando studiamo la Bibbia e renderci conto che Dio ci ha dato delle chiavi per dissigillare i misteri nascosti nelle Sue parole. Splende una nuova luce sulle parole di Dio. Nei nostri studi vediamo spesso situazioni nelle quali fratelli e sorelle in Cristo sono in disaccordo su alcuni temi o sul significato di passaggi specifici della Bibbia. Uno di questi riguarda il tempo del rapimento.  È come se avessimo un abbozzo del tema, ma ci mancano i pezzi cruciali del puzzle per poter mettere le cose in chiaro. Comunque quando comprendiamo come Dio ci abbia fornito schemi identificabili nelle Sue parole, li possiamo applicare su questi temi o situazioni contro i quali lottiamo e vedere come Dio interpreta se stesso e illumina la nostra comprensione. Questo è molto utile per raggiungere una migliore comprensione delle sezioni della Bibbia, sulle quali sembra che ci manchino informazioni specifiche. Quando lo facciamo, non solo scopriamo di più sul carattere di Dio e su come agirebbe in situazioni specifiche, ma ci permette anche di scoprire i piani di Dio per il futuro che si avvereranno presto.

DISSIGILLARE I SIGILLI – I SETTE TUONI

Per quanto riguarda il caso dei sette tuoni menzionati nell’Apocalisse 10, credo che Dio ci abbia dato uno schema che si ripete per comprendere. In questo caso dobbiamo applicare lo schema andando indietro nella storia prima del tempo in cui l’Apocalisse non era stata ancora scritta e specialmente considerare un libro strettamente collegato all’Apocalisse, si tratta del Libro di Daniele. Ciò che ho trovato subito interessante è il fatto che troviamo la stessa situazione che può essere classificata come uno schema nel libro di Daniele, nel quale viene detto a Daniele di sigillare alcune profezie e che queste sono designate per il tempo della fine. Ed esattamente come a Giovanni, a Daniele viene detto di nascondere specifiche informazioni al lettore e che queste informazioni saranno dissigillate al tempo della fine. Nei nostri studi, questo è il primo esempio di schema ripetuto che abbiamo trovato. I seguenti tre versetti evidenziano le istruzioni date a Daniele di non rivelare certe informazioni a coloro che avrebbero letto il libro.

Daniele 9, 24: «Settanta settimane sono fissate per il tuo popolo e per la tua santa città per mettere fine all’empietà, mettere i sigilli ai peccati, espiare l’iniquità, stabilire una giustizia eterna, suggellare visione e profezia e ungere il Santo dei Santi».

 Daniele 12, 4: «Ora tu, Daniele, chiudi queste parole e sigilla questo libro, fino al tempo della fine: allora molti lo scorreranno e la loro conoscenza sarà accresciuta».

Daniele 12, 9: «“Egli mi rispose: “Va’, Daniele, queste parole sono nascoste e sigillate fino al tempo della fine». 

Questi tre versetti mostrano che l’intenzione di Dio è che queste informazioni nascoste saranno scoperte in un momento preciso del tempo, vale a dire al tempo della fine. In considerazione del fatto che la Bibbia è la parola completa di Dio e che Egli ha promesso che nemmeno una briciola sarà persa fino a quanto tutto sarà compiuto, si può concludere che questi segreti, che saranno scoperti al tempo della fine, si trovano anche in questo libro. Credo che ci siano due elementi che Dio ha messo nella chiave per dissigillare questa informazione: la prima è la nostra posizione nel tempo; l’informazione sigillata è sensibile al tempo e può essere compresa solamente da un punto d’osservazione e da un tempo specifici. Il secondo elemento: considerando il collegamento tra l’informazione sigillata da Daniele e sigillata anche da Giovanni, si può concludere che si dovranno utilizzare schemi comprensibili per dissigillare e rivelare quest’informazione che Dio ci ha nascosto nelle Sue parole.

La prossima domanda che si pone è la seguente: «Da dove cominciare la nostra ricerca per scoprire questo mistero e dissigillare i segreti che Dio ci ha nascosto?». Il primo indizio che Dio mi ha mostrato si trova nelle prime parole della profezia data da Gabriele a Daniele.

Daniele 9, 24: «“Settanta settimane sono fissate per il tuo popolo e per la tua santa città per mettere fine all’empietà, mettere i sigilli ai peccati, espiare l’iniquità, portare una giustizia eterna, suggellare visione e profezia e ungere il Santo dei santi».” 

 Quando mi sono chiesto quale informazione avrebbe potuto sigillare il Signore, Egli mi ha indicato una sezione specifica in questo versetto e questo è stato l’inizio di una scoperta strabiliante. Coloro che studiano l’escatologia pensano che si riferisca al tempo di Israele, ma non ho mai sentito parlare di che cosa significhino la visione e la profezia che sono state sigillate, a quale visione e a quale profezia si riferisse Gabriele. In questo versetto Dio dice a Daniele e Giovanni di sigillare la visione e la profezia fino al tempo della fine. Si può notare che quest’informazione nascosta deve implicare una profezia specifica ed una visione specifica registrate nelle parole di Dio. Questo è il primo indizio per dissigillare il segreto. Sono sicuro che continuando sarete stupiti come me, quando ho scoperto quello che Dio ha nascosto nelle Sue parole e che noi avremmo scoperto in questo preciso momento del tempo.

È anche sorprendente come Dio mi abbia portato a scoprire a quale profezia e visione Gabriele si riferisse in Daniele. Nel momento in cui ho fatto questa scoperta, stato scrivendo un libro sulla visione data a Giovanni nell’Apocalisse 12, e siccome Dio mi ha rivelato in quale modo questa visione è collegata ad una specifica profezia della Bibbia, ho cambiato il nome del libro in “LA TABELLA DI MARCIA DI DIO VERSO LA FINE“, poiché credo che le informazioni ottenute grazie all’aver compreso che la profezia e la visione sono collegate, ci permettono di scoprire i piani di Dio per il mondo nei prossimi mesi a venire.

Qualche anno fa, Scotty Clarke, mio fratello in Cristo, scoprì che questa visione specifica aveva una rappresentazione fisica nel cielo e che si compierà il 23 settembre 2017, come descritto da Giovanni. Quando studiavo questa visione e le possibili conseguenze, Dio mi rivelò come questa visione fosse collegata alla Sua prima profezia. Questa prima profezia non è solamente la prima profezia con le parole di Dio, ma è stata data da Dio stesso, il che la rende molto importante rispetto alle altre. Questa profezia recita: 

GENESI 3, 14-16.

«14 Allora il Signore Dio disse al serpente: sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita».

«15 Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno».

«16 Alla donna disse: i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà».

 La prima profezia nelle parole di Dio contiene un’immagine-specchio della visione data a Giovanni:

 Apocalisse 12, 1-5

1  Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle.

 2  Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto.

 3  Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi;

 4  la sua coda trascinava giù un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra. Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire per divorare il bambino appena nato.

 5  Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e il figlio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono.” 

Il fatto che questa visione data a Giovanni abbia una rappresentazione fisica che si può osservare solamente usando la tecnologia dei nostri giorni è un’altra prova che la parola di Dio è affidabile e vera.

In una delle profezie data a Daniele da Gabriele, si menziona specificamente il fatto che la conoscenza sarebbe aumentata proprio al tempo della fine. Nel corso dell’ultimo secolo abbiamo visto una crescita esponenziale della tecnologia e della conoscenza, ed è solamente con la tecnologia di oggi che si possono osservare le posizioni future dei corpi celesti. Il segno dell’Apocalisse sembra essere nella posizione dove la luminosità del sole impedisce all’osservatore di vedere l’allineamento. Senza la tecnologia di cui disponiamo, non potremmo vedere quello che accade. Quando consideriamo lo stesso allineamento celeste, scopriamo che è talmente unico che in tutta la nostra storia se ne trovano solo due casi nei quali il segno dell’Apocalisse 12 ha una rappresentazione fisica nel cielo. La prima volta questo segno è apparso il 5 agosto 3915 a.C. Se si calcola il numero di anni tra i due allineamenti fisici sulla base di un calendario di 360 giorni, come indicato da Dio nelle Sue parole, troviamo che sono avvenuti 6017 anni l’uno dall’altro e che probabilmente il primo allineamento corrisponde al tempo nel quale la profezia è stata data. Anche questa è un’altra scoperta sorprendente.

Ogni anno in cielo nel periodo tra agosto ed ottobre avviene quanto segue: la costellazione della Vergine si trova dietro il sole che la nasconde alla nostra vista, e questo corrisponde alla descrizione della donna che è vestita di sole, come indicato nell’Apocalisse 12, e si collega alla profezia data da Dio in Genesi 3 sulla donna che avrebbe partorito con dolore e sofferenza. Questo allineamento comincerà il 20 novembre 2016, quando avviene il concepimento di Giove nel ventre della costellazione della Vergine; la nascita del bambino avverrà il 9 settembre 2017, e l’allineamento finale dove si ha la donna vestita di sole con la luna ai suoi piedi e la corona di 12 stelle sulla testa avverrà il 23 settembre 2017. E quindi Giove resterà nel ventre della costellazione della Vergine per un periodo di 41 settimane, che è il periodo di tempo per una sana gravidanza umana.

Normalmente la rotazione di Giove intorno al sole non si sarebbe spostata nel ventre per un periodo di tempo più breve, ma in questo caso la sua posizione rispetto alla Terra ha un movimento retrogrado che lascia Giove nel ventre della costellazione della Vergine per il periodo richiesto di gestazione: dopo 41 settimane Giove è nato dalla Vergine.

Questo corrisponde alla descrizione nell’Apocalisse 12 della donna che avrebbe partorito nelle doglie e nei dolori del parto un bambino maschio che deve governare tutte le nazioni con uno scettro di ferro. Questo si collega anche alla descrizione (Genesi 3) della stirpe nata dalla donna che avrebbe schiacciato la testa del serpente. Il fatto che Dio menzioni la stirpe della donna in questa profezia, indica una nascita dalla costellazione della Vergine. Due settimane dopo la nascita di Giove, la luna si trova proprio a destra molto vicino ai piedi della costellazione. Ci sono anche tre pianeti allineati – secondo il Regolo, noto anche come il Re delle stelle – che si trovano sulla sua testa che si aggiungono alla corona di 12 stelle, come indicato nell’Apocalisse 12. Le 12 stelle sono composte dai tre pianeti Venere, Marte e Mercurio, aggiunti alle 9 stelle della costellazione del Leone.

Per me è stata una scoperta strabiliante, se si considera la complessità di questi due allineamenti nel cielo. Il fatto che in tutta la nostra storia ci siano solo due casi di questi allineamenti ed il modo nel quale abbiano segnato la profezia di Daniele con un allineamento fisico dei corpi celesti nel cielo, ci ha portato a concludere che questi allineamenti entrano in gioco quando si parla del significato della profezia.

Questa profezia è stata data a Daniele da Gabriele ed è stata sigillata per secoli. Dio ha atteso fino ad ora per permettere a coloro che attendono presto il ritorno di Suo Figlio, Yeoshua, di dissigillare le profezie e le visioni e per comprendere il momento del prossimo appuntamento con il Signore.

Ora che abbiamo scoperto quale profezia e quale visione era stato detto a Daniele di sigillare fino al tempo della fine, nel video seguente considereremo le informazioni che Dio ci dà e come si possano applicare al tempo della fine nei prossimi mesi.

… segue con prossimo articolo …

 

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Curare il Covid-19 cambiando paradigma … Dr. M.G. Dondini

Curare il Covid-19 cambiando paradigma … Dr. M.G. Dondini Paola Botta Beltramo, venerdì 13 novembre …

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi