ENORME: Ordine Esecutivo del 2018 rende le elezioni statunitensi NULLE

ENORME: Ordine Esecutivo del 2018 rende le elezioni statunitensi NULLE

Le elezioni del 2020 si sono svolte sotto una “emergenza nazionale” dichiarata da Trump che ha creato una trappola per il giorno delle elezioni per “l’accesso non autorizzato alle infrastrutture elettorali e della campagna”

14 novembre 2020 | Nicola Zegrini

ununiverso

BOMBA: Le elezioni del 2020 si sono svolte sotto una “emergenza nazionale” dichiarata da Trump che ha creato una trappola per il giorno delle elezioni per “l’accesso non autorizzato alle infrastrutture elettorali e della campagna”.

(Natural News)

Questa storia inizia con l’ordine esecutivo poco conosciuto firmato il 12 settembre 2018 dal presidente Donald J. Trump. Tale ordine, disponibile su Whitehouse.gov, è intitolato “Ordine esecutivo sull’imposizione di determinate sanzioni in caso di interferenza straniera in un’elezione degli Stati Uniti”.

In quell’ordine esecutivo, che quasi nessuno ha seguito dal giorno in cui è stato firmato, il presidente Trump dichiara un’emergenza nazionale. Quell’emergenza è ancora in gioco fino ad oggi e le elezioni del 2020 si sono svolte in questo stato di emergenza, che è un punto cruciale per capire cosa succederà dopo.

“Accesso non autorizzato all’infrastruttura elettorale”.

Nell’Ordine Esecutivo, il Presidente afferma anche che alcune persone e organizzazioni situate, in parte, al di fuori degli Stati Uniti sono note per essere in grado di “interferire o minare la fiducia del pubblico nelle elezioni degli Stati Uniti, anche attraverso l’accesso non autorizzato alle infrastrutture elettorali e alle campagne elettorali o la distribuzione segreta di propaganda e disinformazione”.

Se state iniziando a vedere come questo si collega alla CNN, al NY Times, al Washington Post e alla MSNBC, non siete i soli. Tutte queste organizzazioni, come vedrete presto, sono state colte in fragrante da questa dichiarazione di emergenza di “interferenza straniera” nelle elezioni statunitensi, in quanto aiutate da corporazioni complici sul suolo statunitense.

L’Ordine Esecutivo afferma inoltre che questa interferenza straniera nelle elezioni statunitensi “costituisce una minaccia insolita e straordinaria per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti”.

Perché questo è rilevante per tutto ciò che stiamo vedendo in questo momento con la massiccia frode elettorale condotta dai Democratici e dallo Stato profondo (Deep State)? Perché Dominion Voting Systems è un’azienda canadese e Scytl appartiene alla Spagna.

Giusto. Dominion è una società di proprietà straniera, il che rende il furto elettorale basato su Dominion una “questione di interferenza straniera”.

Scytl, a proposito, è collegata a George Soros e ai Democratici e, secondo TGP (vedi sotto), “Bill Gates possiede anche azioni in Scytl”.

Dominion è canadese, Scytl è spagnola; entrambe rappresentano “interferenze straniere” nelle elezioni statunitensi … con dati instradati attraverso server in Germania.

Un’altra azienda di macchine per il voto chiamata Scytl – anch’essa ampiamente utilizzata nelle elezioni statunitensi – si trova in Spagna. Come riporta Great Game India:

Giorni dopo che è stato rivelato come le elezioni statunitensi del 2020 siano state truccate dai sistemi di voto del Dominion, agente della corona canadese, attraverso un cosiddetto “glitch”, ora GreatGameIndia ha trovato il coinvolgimento di un’altra dubbia società straniera nell’ingerenza elettorale degli Stati Uniti. I voti espressi dagli americani sono stati contati da una società spagnola in bancarotta, la Scytl. Come la Dominion Voting Systems, la Scytl ha una lunga storia di frodi elettorali in varie nazioni, inclusa l’iniezione di voti arrivati in ritardo nel suo software elettorale. La questione ha spinto gli esperti a chiedersi perché il delicato lavoro di conteggio dei voti sia stato affidato a una società straniera? Come può un’azienda spagnola in bancarotta contare i voti americani in Spagna? A causa di tali frodi diffuse, il presidente della commissione elettorale federale degli Stati Uniti Trey Trainor ritiene che le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 siano illegittime.

Ciò che la gente non comprende in tutto questo è che l’ordine esecutivo di Trump del 2018 conferisce al Dipartimento di Giustizia il potere di sequestrare tutti i beni di individui e società che sono stati complici nell’aiutare o coprire questa interferenza straniera nelle elezioni statunitensi.

L’ordine di emergenza nazionale richiede specificamente il sequestro di tutti i beni di entità che siano, “direttamente o indirettamente impegnate, finanziate, nascoste o altrimenti state complici di interferenze straniere in un’elezione degli Stati Uniti”.

Ciò, ovviamente, dovrebbe includere praticamente ogni vettore di notizie false come CNN, ogni presidente di grandi corporazioni, ogni giornalista terrorista di notizie false di NBC News, NY Times e Washington Post. Sono tutti complici nel coprire la massiccia ingerenza elettorale straniera appena avvenuta.

L’Ordine Esecutivo di Trump spiega inoltre che i sequestri di beni devono mirare a persone ed entità che hanno:

… assistito materialmente, finanziato o fornito supporto finanziario, materiale o tecnologico per, beni o servizi, o a supporto di, qualsiasi attività descritta nella sottosezione (a) (I) di questa sezione o qualsiasi persona la cui proprietà e interessi nella proprietà siano bloccati in base a questo ordine; o (III) essere posseduta o controllato da, o aver agito o preteso di agire per o per conto di, direttamente o indirettamente, qualsiasi persona la cui proprietà o interessi nella proprietà siano bloccati ai sensi del presente ordine.

In altre parole, l’Ordine Esecutivo copre ogni persona che è stata corrotta o compromessa dalla Cina comunista e questo include almeno l’80% dei legislatori democratici, secondo le nostre stime, inclusi i senatori Feinstein e Schiff.

Ogni organizzazione coinvolta nel furto elettorale e nell’occultamento può ora essere sequestrata dal governo degli Stati Uniti.

Ma questa non è nemmeno la piena portata di ciò che è richiesto da questo Ordine Esecutivo. Nella sezione 8, l’ordine spiega che il termine “persona” significa anche “una partnership, associazione, trust, joint venture, società, gruppo, sottogruppo o altra organizzazione”.

In altre parole, qualsiasi organizzazione mediatica che abbia contribuito a coprire o assistere l’interferenza straniera in un’elezione degli Stati Uniti è specificamente presa di mira da questo Ordine Esecutivo.

Più avanti nella sezione delle definizioni, l’Ordine Esecutivo spiega:

… il termine “infrastruttura elettorale” indica la tecnologia e i sistemi di comunicazione e informazione utilizzati da o per conto del governo federale o di un governo statale o locale nella gestione del processo elettorale, inclusi i database di registrazione degli elettori, le macchine per il voto, le apparecchiature per la tabulazione del voto e le attrezzature per la trasmissione sicura dei risultati delle elezioni.

Ciò includerebbe i sistemi di voto Dominion così come tutti gli altri sistemi di voto utilizzati nelle recenti elezioni.

Infine, l’Ordine Esecutivo descrive cosa significa con il termine “interferenza straniera”. Significa: (enfasi aggiunta)

… qualsiasi azione segreta, fraudolenta, ingannevole o illegale o tentata di un governo straniero, o di qualsiasi persona che agisca come agente di o per conto di un governo straniero, intrapresa con lo scopo o l’effetto di influenzare, minare la fiducia in, alterare o alterare il risultato riportato dell’elezione o minare la fiducia del pubblico nei processi o nelle istituzioni elettorali.

Nota le parole importanti di “alterare il risultato effettivo o il risultato riportato delle elezioni“. Questo è esattamente ciò che Big Tech e i falsi media bugiardi hanno fatto all’America. Più che un semplice crimine, è tradimento … e sono caduti direttamente nella trappola di emergenza nazionale che Trump ha annunciato pubblicamente nel 2018, il che ora significa che tutte queste corporazioni e organizzazioni possono vedersi sequestrare i loro beni letteralmente dall’oggi al domani.

In questo video, l’avvocato di Trump Sidney Powell descrive “prove statistiche sconcertanti” e “testimonianze incredibili” sulla frode elettorale criminale condotta in tutta l’America. Aggiunge: “Se volete parlare di interferenze elettorali straniere, sicuramente ce l’abbiamo ora”. Ascolta:

Il rappresentante Louie Gohmert (R-TX) afferma che l’esercito americano ha appena fatto irruzione nella server farm di Scytl in Spagna.

Per non cadere nell’errore che siano tutte speculazioni e voci, ora arriviamo alla parte più tangibile della storia. Secondo una video intervista con il rappresentante Louis Gohmert (R-TX) andata in onda oggi, l’esercito americano ha appena condotto un raid nella server farm della società Scytl ormai in bancarotta a Barcellona, ​​in Spagna.

Il The Gateway Pundit, che è stato in prima linea in gran parte delle notizie bomba sulla cospirazione di brogli elettorali avvenuta il 3 novembre, ha contattato le sue fonti per confermare le operazioni militari in Europa, in relazione alla raccolta di prove di furto elettorale. Ecco cosa ha appena segnalato TGP (qui per l’italiano).

Il governo degli Stati Uniti, una volta stabilito che questo server Dominion era coinvolto nel cambio di voti, la comunità dell’intelligence ha iniziato una ricerca del server e ha scoperto che il server si trovava in Germania. Per avere accesso a quel server e averlo disponibile per l’uso in modo legale, hanno dovuto far lavorare il Dipartimento di Stato in concerto con il Dipartimento di Giustizia. Hanno dovuto richiedere che il governo della Germania cooperasse per consentire il sequestro di questo server.

I documenti appropriati richiesti per influenzare quel tipo di sequestro sono stati messi in atto, firmati e sembra che ci fosse anche il supporto militare degli Stati Uniti in questa operazione. L’esercito americano non era in testa. Ma questo aiuta a spiegare perché Esper sia stato licenziato e Miller e Kash Patel siano stati messi in carica, in modo che i militari non interferissero in alcun modo con l’operazione.

Entrando in contatto con il server, ora avranno la prova diretta di quando è stato ordinato di smettere di contare. Scopriranno anche chi ha dato l’ordine di interrompere il conteggio e chi ha avviato l’algoritmo che ha iniziato a cambiare i voti. La CIA fu completamente esclusa da questa operazione.

Ecco l’intervista con il rappresentante Gohmert, ora su Brighteon.com, nel caso in cui YouTube tenti di nascondere questo video.

Il raid sembra aver preso di mira l’operazione della sede del server di Francoforte della CIA.

Ora abbiamo anche la conferma dai documenti di WikiLeaks che la CIA ha utilizzato un data center a Francoforte come base di hacking remota per truccare le elezioni statunitensi. DW.com ha riportato:

WikiLeaks ha rilasciato martedì una serie di documenti della CIA in cui affermava di aver rivelato i dettagli del suo arsenale segreto di hacking.

Il rilascio includeva 8.761 documenti che, secondo quanto affermato, rivelavano dettagli su “malware, virus, trojan, exploit” zero day “come armi, sistemi di controllo remoto di malware e documentazione associata”.

Le fughe di notizie presumibilmente hanno rivelato che un’unità top secret della CIA ha utilizzato la città tedesca di Francoforte sul Meno come punto di partenza per numerosi attacchi di hacking in Europa, Cina e Medio Oriente.

Il quotidiano tedesco “Süddeutsche Zeitung” ha riferito che l’edificio era noto per essere sede di una vasta rete di personale dell’intelligence tra cui agenti della CIA, spie della NSA, personale dei servizi segreti militari, dipendenti del Dipartimento per la sicurezza interna e dipendenti dei servizi segreti. Ha riferito che gli americani avevano anche stabilito una fitta rete di avamposti e società di comodo a Francoforte.

Sembra che la CIA stesse usando lo stesso data center straniero per hackerare le elezioni americane … ed è stata catturata. Questo è precisamente il motivo per cui, come riporta il Gateway Pundit, la CIA sia stata tenuta completamente fuori dall’operazione sui server appena avvenuta in Germania. L’operazione è stata probabilmente diretta contro la server farm della CIA, che gestiva l’operazione di hacking del Dominio a distanza, la notte delle elezioni!

Dovrebbe essere ovvio, a qualsiasi persona informata, che tutto ciò che Big Tech e i media falsi hanno fatto per truccare queste elezioni, quindi seppellire le massicce operazioni di frode elettorale dei Democratici, è stato un inganno segreto e fraudolento e un’azione illegale … e tutto è stato eseguito a nome delle nazioni comuniste come la Cina e delle operazioni globaliste che hanno avuto luogo al di fuori degli Stati Uniti.

Non è solo il fatto che le società di sistemi di voto i cui sistemi hardware e software hanno truccato le elezioni si trovavassero in Canada e in Spagna; ci è stato anche detto che parte del brogli elettorali in tempo reale da parte della CIA ha comportato l’offshoring dei dati su server situati in Germania e forse in Serbia. Quindi ci sono almeno tre o quattro paesi stranieri coinvolti in queste elezioni e questo non include nemmeno Cina e Venezuela, che hanno entrambi avuto altri ruoli nella conduzione di operazioni di influenza per manipolare il risultato elettorale a favore di Biden. (Si dice che i fondi per la Dominion siano stati forniti anche da ricchi socialisti in Venezuela.)

Ora, il Team Trump è in procinto di raccogliere prove inconfutabili di collusione criminale per effettuare interferenze elettorali, e le tracce di insabbiamento porteranno direttamente alla Big Tech (censura mirata e collusione con la Cina) e ai media di sinistra delle fake news (campagna di propaganda di gaslight per coprire le prove di collusione straniera).

Ciò significa che in un colpo solo il presidente Donald J. Trump sarà in grado di:

  • Arrestare e sequestrare i beni di tutti i migliori democratici e traditori dello stato profondo che hanno tentato di rubare le elezioni del 2020.
  • Cogliere tutte le corporazioni della Big Tech e gli organi di propaganda dei media di sinistra che sono stati complici nella cospirazione. Ciò potrebbe includere il sequestro dei loro nomi di dominio come Twitter.com, YouTube.com, Facebook.com, ecc.
  • Sconfiggere per sempre il Partito Democratico rivelando prove schiaccianti di frodi elettorali diffuse, che si tradurrà anche in una richiesta a livello nazionale per un sistema di identificazione degli elettori per tutte le future elezioni.
  • Mettere in luce una volta per tutte la brillante mente del presidente degli Stati Uniti per un secondo mandato (e forse un terzo, osiamo dire).

Non scommettere mai contro the Donald.

I RECUPERI non contano più; la certificazione dei voti è ormai irrilevante.

Il piano d’azione per ottenere tutto ciò è in corso mentre leggete questo articolo. Il team di Trump ha già i registri completi delle transazioni delle modifiche elettorali di Dominion Voting Systems e, con i raid che si svolgono in Europa, vengono assicurate ulteriori prove di interferenze straniere.

È importante sottolineare che questo enorme deposito di prove di frode elettorale sarà più che sufficiente per il presidente Trump per presentare queste prove al popolo americano, quindi dichiarare un tentativo di insurrezione illegale contro gli Stati Uniti d’America mentre schiererà gli US Marshalls o la polizia militare per arrestare i traditori all’interno degli Stati Uniti che hanno tentato di eseguire questa elaborata frode criminale. Non c’è da stupirsi che John Brennan sembri prendersi gioco di se stesso ogni volta che appare in televisione in diretta. Una volta che il piano di Trump sarà completamente attivato, persone come Brennan avranno bisogno di una scorta a vita.

Una volta che tutte le prove saranno state raccolte e presentate, il presidente Trump deve semplicemente dichiarare che l’intera elezione è nulla e non valida come artefatto di un fallito tentativo di colpo di stato straniero contro gli Stati Uniti, aiutato da operatori traditori all’interno del partito democratico e di alcuni angoli oscuri della comunità dell’intelligence (CIA, FBI, ecc.).

Come principio legale immutabile, qualsiasi parte che si impegni in un contratto sociale (come un’elezione) e poi bari per cercare di “vincere” ingiustamente, quel contratto, viene squalificato e ritenuto nullo. Non puoi vincere un’elezione rubandola. Esiste un precedente legale schiacciante per questo nelle decisioni dei tribunali sia di SCOTUS che dei tribunali distrettuali federali. I riconteggi sono irrilevanti. La “certificazione” dei voti fraudolenti è solo teatro. Niente di tutto ciò ha importanza una volta documentata e rivelata a tutti la schiacciante natura fraudolenta dell’intera operazione.

ABBIAMO GIA’ VINTO

Trump ha già vinto queste elezioni. I traditori nemici dell’America sono già stati catturati. Affronteranno accuse penali a migliaia mentre tutto questo si svolge, a meno che non fuggano prima dal paese, e il Dipartimento di Giustizia sta per far cadere il martello sull’intera operazione.

Il popolo americano è con Trump, inclusi molti democratici che ora sono disgustati da ciò a cui hanno assistito con il furto elettorale. Gli americani non permetteranno che il loro paese venga rubato da interessi stranieri e, come abbiamo detto prima, se Trump ha bisogno di richiamare ogni uomo abile in America per convergere a Washington DC armato di coraggio, milioni di patrioti arriveranno a difendere questa repubblica costituzionale contro i suoi nemici, sia stranieri che interni.

Trump non ha più bisogno di vincere i riconteggi e, di certo, non ha bisogno dei media dalla sua parte. Comunque non saranno in giro ancora per molto. Tutto ciò di cui Trump ha bisogno è continuare a raccogliere prove, prepararsi a presentarle al mondo e continuare a raccogliere il sostegno di milioni di americani che sono pronti a mettere le loro vite in gioco, se necessario, per difendere questa nazione.

Vinciamo se scegliamo di vincere.

L’unico modo per perdere è arrenderci ai criminali di sinistra.

E la parola “concedere” non è nemmeno nel mio vocabolario. Né Alex Jones, Owen Shroyer, Steve Bannon, Jim Hoft, Rudy Giuliani o qualsiasi altro patriota si arrenderanno a questi criminali e tiranni.

Fontenaturalnews

Link attivo

Traduzione automatica dal sito della Casa Bianca.

Ordine esecutivo sull’imposizione di determinate sanzioni in caso di interferenza straniera in un’elezione degli Stati Uniti.
POLITICA ESTERA

Emesso il: 12 settembre 2018

Per l’autorità conferitami come presidente dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti d’America, incluso l’International Emergency Economic Powers Act (50 USC 1701 e seguenti) (IEEPA), il National Emergencies Act (50 USC 1601 e seguenti .) (NEA), sezione 212 (f) dell’Immigration and Nationality Act del 1952 (8 USC 1182 (f)) e sezione 301 del titolo 3, Codice degli Stati Uniti,

Io, DONALD J. TRUMP, Presidente degli Stati Uniti d’America, trovo che la capacità di persone che si trovano, in tutto o in parte, al di fuori degli Stati Uniti di interferire o minare la fiducia del pubblico nelle elezioni degli Stati Uniti, anche attraverso persone non autorizzate l’accesso alle infrastrutture elettorali e di campagna o la distribuzione segreta di propaganda e disinformazione, costituisce una minaccia insolita e straordinaria per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti. Sebbene non ci siano state prove che una potenza straniera abbia alterato il risultato o la tabulazione dei voti in nessuna elezione degli Stati Uniti, le potenze straniere hanno storicamente cercato di sfruttare il sistema politico libero e aperto dell’America. In anni recenti, la proliferazione di dispositivi digitali e comunicazioni basate su Internet ha creato vulnerabilità significative e amplificato la portata e l’intensità della minaccia di interferenza straniera, come illustrato nell’Intelligence Community Assessment 2017. Con la presente dichiaro un’emergenza nazionale per far fronte a questa minaccia.

Di conseguenza, con la presente ordino:

Sezione 1. (a) Non oltre 45 giorni dopo la conclusione di un’elezione negli Stati Uniti, il Direttore dell’intelligence nazionale, in consultazione con i capi di qualsiasi altro dipartimento esecutivo e agenzia (agenzie), deve condurre una valutazione di qualsiasi informazione indicando che un governo straniero, o qualsiasi persona che agisce in qualità di agente o per conto di un governo straniero, ha agito con l’intento o lo scopo di interferire in tali elezioni. La valutazione deve identificare, nella misura massima possibile, la natura di qualsiasi interferenza straniera e qualsiasi metodo impiegato per eseguirla, le persone coinvolte e il governo oi governi stranieri che l’hanno autorizzata, diretta, sponsorizzata o sostenuta. Il Direttore dell’intelligence nazionale fornirà questa valutazione e adeguate informazioni di supporto al Presidente,

(b) Entro 45 giorni dal ricevimento della valutazione e delle informazioni descritte nella sezione 1 (a) del presente ordine, il Procuratore generale e il Segretario della sicurezza interna, in consultazione con i capi di qualsiasi altra agenzia appropriata e, se del caso, Stato e funzionari locali, consegneranno al Presidente, al Segretario di Stato, al Segretario del Tesoro e al Segretario della Difesa un rapporto di valutazione, rispetto alle elezioni negli Stati Uniti, oggetto della valutazione descritta nella sezione 1 (a) :

(i) la misura in cui qualsiasi interferenza straniera che ha preso di mira l’infrastruttura elettorale ha influito materialmente sulla sicurezza o integrità di tale infrastruttura, sulla tabulazione dei voti o sulla trasmissione tempestiva dei risultati delle elezioni; e

(ii) se qualsiasi interferenza straniera ha coinvolto attività mirate all’infrastruttura di, o relative a, un’organizzazione politica, una campagna o un candidato, la misura in cui tali attività hanno influenzato materialmente la sicurezza o l’integrità di tale infrastruttura, incluso l’accesso non autorizzato alla divulgazione o minacciata di divulgazione, alterazione o falsificazione di informazioni o dati.

Il rapporto deve identificare qualsiasi questione materiale di fatto riguardo a queste questioni che il Procuratore Generale e il Segretario della Sicurezza Nazionale non sono in grado di valutare o raggiungere un accordo al momento della presentazione del rapporto. Il rapporto includerà anche aggiornamenti e raccomandazioni, se del caso, riguardanti le azioni correttive che il governo degli Stati Uniti dovrà adottare, diverse dalle sanzioni descritte nelle sezioni 2 e 3 del presente ordine.

(c) I capi di tutte le agenzie pertinenti trasmetteranno al Direttore dell’intelligence nazionale qualsiasi informazione rilevante per l’esecuzione dei compiti del Direttore ai sensi del presente ordine, come appropriato e conforme alla legge applicabile. Se le informazioni pertinenti emergono dopo la presentazione del rapporto di cui alla sezione 1 (a) del presente ordine, il Direttore, in consultazione con i capi di qualsiasi altra agenzia appropriata, modificherà il rapporto, come appropriato, e il Procuratore generale e il Segretario di Homeland Security modificherà il rapporto richiesto dalla sezione 1 (b), come appropriato.

(d) Niente in questo ordine impedirà al capo di un’agenzia o di qualsiasi altro funzionario appropriato di presentare un’offerta al Presidente, in qualsiasi momento attraverso un canale appropriato, qualsiasi analisi, informazione, valutazione o valutazione di interferenze straniere in un’elezione degli Stati Uniti. .

(e) Se vengono identificate informazioni che indicano che si è verificata un’interferenza straniera in elezioni statali, tribali o locali all’interno degli Stati Uniti, possono essere incluse, a seconda dei casi, nella valutazione richiesta dalla sezione 1 (a) di questa ordinanza o in il rapporto previsto dalla sezione 1 (b) del presente ordine, o presentato al Presidente in un rapporto indipendente.

(f) Non oltre 30 giorni dalla data di questo ordine, il Segretario di Stato, il Segretario del Tesoro, il Procuratore generale, il Segretario della Sicurezza interna e il Direttore dell’intelligence nazionale svilupperanno un quadro per il processo che verranno utilizzati per svolgere le rispettive responsabilità ai sensi del presente ordine. Il quadro, che può essere classificato in tutto o in parte, si concentra sull’assicurare che le agenzie adempiano alle proprie responsabilità ai sensi del presente ordine in modo da mantenere la coerenza metodologica; protegge le forze dell’ordine o altre informazioni sensibili e fonti e metodi di intelligence; mantiene un’adeguata separazione tra le funzioni di intelligence e le decisioni politiche e legali; assicura che gli sforzi per proteggere i processi elettorali e le istituzioni siano isolati da pregiudizi politici;

Sec. 2. (a) Tutti i beni e gli interessi in beni che si trovano negli Stati Uniti, che in seguito entreranno negli Stati Uniti o che sono o in seguito entrano in possesso o sotto il controllo di qualsiasi persona degli Stati Uniti delle seguenti persone sono bloccati e possono non essere trasferito, pagato, esportato, ritirato o trattato in altro modo in: qualsiasi persona straniera determinata dal Segretario del Tesoro, in consultazione con il Segretario di Stato, il Procuratore generale e il Segretario per la sicurezza interna:

(i) essersi direttamente o indirettamente impegnati, sponsorizzati, occultati o altrimenti stati complici di interferenze straniere in un’elezione degli Stati Uniti;

(ii) di aver assistito, sponsorizzato o fornito materialmente supporto finanziario, materiale o tecnologico, o beni o servizi a, oa supporto di, qualsiasi attività descritta nella sottosezione (a) (i) di questa sezione o qualsiasi persona la cui proprietà e gli interessi nella proprietà sono bloccati in base a questo ordine; o

(iii) essere posseduto o controllato da, o aver agito o preteso di agire per o per conto di, direttamente o indirettamente, qualsiasi persona la cui proprietà o interessi nella proprietà sono bloccati ai sensi del presente ordine.

(b) Il decreto esecutivo 13694 del 1 aprile 2015, come modificato dall’ordine esecutivo 13757 del 28 dicembre 2016, rimane in vigore. Questo ordine non intende e non serve a limitare la discrezionalità del Segretario del Tesoro di esercitare le autorità previste nell’Ordine Esecutivo 13694. Se del caso, il Segretario del Tesoro, in consultazione con il Procuratore Generale e il Segretario di Stato , può esercitare le autorità descritte nell’Ordine Esecutivo 13694 o altre autorità insieme all’esercizio delle autorità previste dal presente Ordine da parte del Segretario del Tesoro.

(c) I divieti di cui alla sottosezione (a) di questa sezione si applicano tranne nella misura prevista da statuti o da regolamenti, ordini, direttive o licenze che possono essere emessi in base a questo ordine, e nonostante qualsiasi contratto stipulato o qualsiasi licenza o permesso concesso prima della data di questo ordine.

Sec. 3. A seguito della trasmissione della valutazione richiesta dalla sezione 1 (a) e della relazione richiesta dalla sezione 1 (b):

(a) il Segretario del Tesoro esaminerà la valutazione richiesta dalla sezione 1 (a) e il rapporto richiesto dalla sezione 1 (b), e, in consultazione con il Segretario di Stato, il Procuratore generale e il Segretario per la sicurezza interna , imporre tutte le sanzioni appropriate ai sensi della sezione 2 (a) della presente ordinanza e tutte le sanzioni appropriate descritte nella sezione 2 (b) della presente ordinanza; e

settori di rilevanza strategica comparabile a quella del governo estero). La raccomandazione includerà una valutazione dell’effetto delle sanzioni raccomandate sugli interessi economici e di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e dei loro alleati. Qualsiasi sanzione raccomandata deve essere adeguatamente calibrata sulla portata dell’interferenza straniera identificata e può includere uno o più dei seguenti rispetto a ciascuna persona straniera presa di mira:

(i) bloccare e vietare tutte le transazioni nella proprietà di una persona e gli interessi in una proprietà soggetta alla giurisdizione degli Stati Uniti;

(ii) restrizioni sulle licenze di esportazione ai sensi di qualsiasi legge o regolamento che richieda la previa revisione e approvazione del governo degli Stati Uniti come condizione per l’esportazione o la riesportazione di beni o servizi;

(iii) divieti per le istituzioni finanziarie degli Stati Uniti di concedere prestiti o fornire crediti a una persona;

(iv) restrizioni alle transazioni in valuta estera in cui una persona ha interessi;

(v) divieti di trasferimento di crediti o pagamenti tra istituti finanziari o da, tramite o verso qualsiasi istituto finanziario, a beneficio di una persona;

(vi) divieti per le persone statunitensi di investire o acquistare azioni o debiti di una persona;

(vii) esclusione di funzionari aziendali stranieri di una persona dagli Stati Uniti;

(viii) imposizione ai principali funzionari esecutivi stranieri di una persona di una qualsiasi delle sanzioni descritte in questa sezione; o

(ix) qualsiasi altra misura autorizzata dalla legge.

Sec. 4. Con la presente stabilisco che l’effettuazione di donazioni del tipo di articoli specificati nella sezione 203 (b) (2) di IEEPA (50 USC 1702 (b) (2)) da, ao a beneficio di qualsiasi persona la cui la proprietà e gli interessi nella proprietà sono bloccati in base a questa ordinanza comprometterebbe seriamente la mia capacità di affrontare l’emergenza nazionale dichiarata in questa ordinanza, e con la presente proibisco tali donazioni come previsto dalla sezione 2 di questa ordinanza.

Sec. 5. I divieti nella sezione 2 di questa ordinanza includono quanto segue:

(a) l’erogazione di qualsiasi contributo o fornitura di fondi, beni o servizi da, ao a beneficio di qualsiasi persona i cui beni e interessi nella proprietà sono bloccati ai sensi del presente ordine; e

(b) il ricevimento di qualsiasi contributo o fornitura di fondi, beni o servizi da tali persone.

Sec. 6. Con la presente trovo che l’ingresso illimitato di immigrati e non immigrati negli Stati Uniti di stranieri i cui beni e interessi nella proprietà sono bloccati ai sensi del presente ordine sarebbe dannoso per gli interessi degli Stati Uniti, e con la presente sospendo l’ingresso negli Stati Uniti , come immigrati o non immigrati, di tali persone. Tali persone saranno trattate come le persone coperte dalla sezione 1 della Proclamazione 8693 del 24 luglio 2011 (Sospensione dell’ingresso di stranieri soggetta ai divieti di viaggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e alle sanzioni della Legge internazionale sui poteri economici di emergenza).

Sec. 7. (a) Qualsiasi transazione che elude o evita, ha lo scopo di eludere o evitare, causa una violazione o tenta di violare uno dei divieti stabiliti in questo ordine è vietata.

(b) È vietata qualsiasi cospirazione formata per violare uno dei divieti stabiliti in questo ordine.

Sec. 8. Ai fini di questo ordine:

a) il termine “persona” indica una persona fisica o giuridica;

(b) il termine “entità” indica una partnership, associazione, trust, joint venture, società, gruppo, sottogruppo o altra organizzazione;

(c) il termine “persona degli Stati Uniti” indica qualsiasi cittadino degli Stati Uniti, straniero residente permanente, entità organizzata secondo le leggi degli Stati Uniti o qualsiasi giurisdizione all’interno degli Stati Uniti (comprese le filiali estere), o qualsiasi persona (inclusa una persona straniera ) negli Stati Uniti;

(d) il termine “infrastruttura elettorale” indica la tecnologia ei sistemi di informazione e comunicazione utilizzati da o per conto del governo federale o di un governo statale o locale nella gestione del processo elettorale, inclusi i database di registrazione degli elettori, le macchine per il voto, le apparecchiature per la tabulazione del voto e apparecchiature per la trasmissione sicura dei risultati elettorali;

(e) il termine “elezioni negli Stati Uniti” indica qualsiasi elezione per una carica federale tenuta alla data di questo ordine o successivamente a tale data;

(f) il termine “interferenza straniera”, in relazione a un’elezione, include qualsiasi azione nascosta, fraudolenta, ingannevole o illegale o tentata azione di un governo straniero o di qualsiasi persona che agisce come agente di o per conto di un governo, intrapreso con lo scopo o l’effetto di influenzare, minare la fiducia o alterare il risultato o il risultato riportato dell’elezione, o minare la fiducia del pubblico nei processi o nelle istituzioni elettorali;

(g) il termine “governo straniero” indica qualsiasi autorità nazionale, statale, provinciale o altra autorità di governo, qualsiasi partito politico o qualsiasi funzionario di qualsiasi autorità di governo o partito politico, in ogni caso di un paese diverso dagli Stati Uniti;

(h) il termine “segreto”, con riferimento a un’azione o tentata azione, significa caratterizzato da un intento o da un intento apparente che il ruolo di un governo straniero non sarà evidente o riconosciuto pubblicamente; e

(i) il termine “Stato” indica i diversi Stati o uno qualsiasi dei territori, dipendenze o possedimenti degli Stati Uniti.

Sec. 9. Per quelle persone i cui beni e interessi nella proprietà sono bloccati ai sensi di questa ordinanza che potrebbero avere una presenza costituzionale negli Stati Uniti, trovo che, a causa della capacità di trasferire fondi o altri beni istantaneamente, previa comunicazione a tali persone delle misure da adottare in virtù di tale ordinanza renderebbe tali misure inefficaci. Pertanto stabilisco che affinché queste misure siano efficaci nell’affrontare l’emergenza nazionale dichiarata in questo ordine, non è necessario alcun preavviso di un elenco o determinazione effettuata ai sensi della sezione 2 di questo ordine.

Sec. 10. Niente in questo ordine vieterà le transazioni per la conduzione degli affari ufficiali del governo degli Stati Uniti da parte di dipendenti, beneficiari o appaltatori degli stessi.

Sec. 11. Il Segretario del Tesoro, in consultazione con il Procuratore generale e il Segretario di Stato, è autorizzato a intraprendere tali azioni, inclusa la promulgazione di norme e regolamenti, e ad impiegare tutti i poteri concessi al Presidente dall’IEEPA a seconda dei casi. necessario per eseguire gli scopi di questo ordine. Il Segretario del Tesoro può delegare una qualsiasi di queste funzioni ad altri funzionari del Dipartimento del Tesoro in conformità con la legge applicabile. Tutte le agenzie del governo degli Stati Uniti sono invitate a prendere tutte le misure appropriate nell’ambito della loro autorità per eseguire le disposizioni del presente ordine.

Sec. 12. Il Segretario del Tesoro, in consultazione con il Procuratore Generale e il Segretario di Stato, è autorizzato a sottoporre al Congresso i rapporti ricorrenti e finali sull’emergenza nazionale dichiarata in questo ordine, in conformità con la sezione 401 (c) del NEA (50 USC 1641 (c)) e sezione 204 (c) di IEEPA (50 USC 1703 (c)).

Sec. 13. Questo ordine deve essere implementato in conformità con 50 USC 1702 (b) (1) e (3).

Sec. 14. (a) Niente in questo ordine deve essere interpretato in modo da compromettere o influenzare in altro modo:

i) l’autorità concessa per legge a un dipartimento o agenzia esecutiva o al suo capo; o

(ii) le funzioni del Direttore dell’Ufficio Gestione e Bilancio relative a proposte di bilancio, amministrative o legislative.

b) Questo ordine deve essere eseguito in conformità con la legge applicabile e subordinatamente alla disponibilità di stanziamenti.

(c) Questo ordine non ha lo scopo e non crea alcun diritto o vantaggio, sostanziale o procedurale, applicabile per legge o secondo equità da qualsiasi parte contro gli Stati Uniti, i suoi dipartimenti, agenzie o entità, i suoi funzionari, dipendenti , o agenti o qualsiasi altra persona.

DONALD J. TRUMP.

LA CASA BIANCA, 12 settembre 2018.

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Colpo di Stato negli USA: il Nuovo Ordine Mondiale non vuole lasciare andare l’America. Trump pronto alla controffensiva

AGGIORNAMENTO DEL 08/11/2020 Aggiornamento inserito il 23/11/2020 Aggiornamento inserito il 26/11/2020I Giudici NON certificano il …

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi