In Evidenza

È ufficiale: l’11 settembre 2001 fu una demolizione controllata

È ufficiale: European Scientific Journal conclude
che l’11 settembre 2001 fu una demolizione controllata

Fonte/Link attivo (english): 11 settembre 2017
Traduttore automatico google

Dal momento in cui le torri sono cadute, la gente ha detto che si trattava di una demolizione controllata. Ora potremmo avere prove accademiche per dimostrare che la teoria è un fatto!

Un rapporto accademico è stato pubblicato da Europhysics News giusto in tempo per l’anniversario dell’11 settembre e mette in dubbio la spiegazione ufficiale del crollo di tutti e tre gli edifici del World Trade Center l’11 settembre 2001. La conclusione potrebbe rendere persino la persona più razionale ripensare alla loro prospettiva.

Il report rileva:

Si ribadisce che gli incendi non hanno mai causato il crollo totale di un grattacielo in acciaio prima o dopo l’11 settembre. Abbiamo assistito a un evento senza precedenti in tre momenti separati l’11 settembre 2001? Il NIST [U.S. Rapporti del National Institute of Standards and Technology], che hanno tentato di sostenere questa conclusione improbabile, non riescono a persuadere un numero crescente di architetti, ingegneri e scienziati. Invece, le prove puntano in modo schiacciante alla conclusione che tutti e tre gli edifici sono stati distrutti da una demolizione controllata. Date le implicazioni di vasta portata, è moralmente imperativo che questa ipotesi sia oggetto di un’indagine veramente scientifica e imparziale da parte delle autorità responsabili “.

Titoli15 anni dopo: sulla fisica dei crolli grattacieli“, l’indagine è stata condotta da Steven Jones, ex professore emerito di ingegneria civile presso la McMaster University in Ontario, Canada e membro della Canadian Society for Civil Engineering e Istituto di ingegneria del Canada; Anthony Szamboti, ingegnere progettista meccanico; e Ted Walter, autore di Architects & Engineers for 9/11 Truth’s Beyond Misinformation: “Che cosa dice la scienza sulla distruzione degli edifici del World Trade Center 1, 2 e 7“.

Ecco alcune delle osservazioni che i ricercatori hanno offerto:

  1. Gli incendi in genere non sono abbastanza caldi e non durano abbastanza a lungo in una singola area per generare energia sufficiente a riscaldare i membri strutturali di grandi dimensioni fino al punto in cui collassano.
  2. I piani più elevati hanno sistemi di estinzione dell’incendio, che impediscono inoltre al fuoco di rilasciare energia sufficiente a riscaldare l’acciaio in uno stato critico di guasto.
  3. Gli elementi strutturali sono protetti da materiali ignifughi, progettati per impedire che raggiungano temperature di guasto entro determinati periodi di tempo.
  4. I grattacieli con struttura in acciaio sono progettati per essere sistemi strutturali altamente ridondanti. Significa, se si verifica un errore localizzato, non si verifica un collasso sproporzionato dell’intera struttura.
  5. «Innumerevoli altri grattacieli con struttura in acciaio hanno subito incendi di grandi dimensioni e di lunga durata senza subire collassi parziali o totali», sottolinea il rapporto.
  6. «In effetti, né prima né dopo l’11 settembre gli incendi hanno causato il crollo totale di un grattacielo con struttura in acciaio, né alcun altro evento naturale, ad eccezione del terremoto di Città del Messico del 1985, che ha fatto crollare un palazzo di 21 piani. Altrimenti, l’unico fenomeno in grado di far crollare completamente tali edifici è stato attraverso una procedura nota come demolizione controllata, con la quale vengono usati esplosivi o altri dispositivi per abbattere intenzionalmente una struttura».

Il rapporto continua confermando i dubbi degli scienziati riguardo alla spiegazione ufficiale facendo riferimento al capo ingegnere strutturale degli edifici. John Skilling, è stato intervistato dal Seattle Times in seguito al bombardamento del World Trade Center del 1993, che era preoccupato per un possibile attacco aereo, ha effettuato un’analisi che ha dimostrato che le torri avrebbero resistito all’impatto del Boeing 707:

«La nostra analisi ha indicato che il problema più grande sarebbe il fatto che tutto il carburante (dall’aereo) sarebbe scaricato nell’edificio. Ci sarebbe un incendio orrendo. Un sacco di persone verrebbero uccise … La struttura dell’edificio sarebbe ancora lì … Comunque, non sto dicendo che gli esplosivi a forma di esplosivo applicati correttamente – di quella magnitudine non potevano fare una quantità enorme di danni …. Immagino che se tu prendessi il massimo esperto in quel tipo di lavoro e gli avessi dato l’incarico di abbattere questi edifici con gli esplosivi, scommetterei che potrebbe farlo».

È stato anche scritto che «Il crollo totale del WTC 7 alle 17:20 l’11 settembre è notevole perché esemplifica tutte le caratteristiche distintive di un’implosione: l’edificio è caduto in caduta libera per i primi 2,25 secondi della sua discesa su una distanza di 32 metri o otto piani. La transizione dalla stasi alla caduta libera è stata improvvisa e si è verificata in circa mezzo secondo. Cadde simmetricamente verso il basso. La sua struttura in acciaio è stata quasi interamente smembrata e depositata per lo più all’interno dell’impronta dell’edificio, mentre la maggior parte del suo calcestruzzo è stata polverizzata in minuscole particelle. Infine, il collasso è stato rapido e si è verificato in meno di sette secondi. Data la natura del collasso, qualsiasi indagine aderente al metodo scientifico dovrebbe aver seriamente considerato l’ipotesi della demolizione controllata, se non avviata con esso. Invece, il NIST (così come l’Agenzia federale di gestione delle emergenze, che ha condotto uno studio preliminare prima dell’indagine del NIST) ha iniziato con la conclusione predeterminata che il crollo è stato causato da incendi».

Fino ad oggi, c’è ancora una grande quantità di prove inspiegabili che supportano ulteriormente le demolizioni controllate dalla teoria avvenute in quell’orrenda giornata di quindici anni fa. Per non parlare del fatto che i media hanno riferito del crollo del WTC Building 7 prima che addirittura crollasse.

La gente speculerà sempre, e quelli di noi che mettono in dubbio la storia ufficiale continueranno ad essere etichettati come pazzi teorici della cospirazione.

Articolo originale in lingua inglese

Categoria dedicata su LiberaMenteServo.com

Archivio Storico (liberamenteservo.it – categoria)

Onoriamo le vittime ristabilendo la Verità.
Editoriale di Danilo diinabandhu sevananda, 11/09/2014

Ci sono favole e favole … solo i bambini credono a Biancaneve con i 7 nani e la strega cattiva, a cappuccetto rosso con il lupo cattivo, a Babbo Natale con le sue renne volanti. Poi ci sono le favole per adulti, i quali hanno smesso di credere a Pinocchio, a Peter Pan, alla Bella addormentata nel bosco, ma credono ad altre favole; favole serie, raccontate dai telegiornali, scritte sui giornali, avvalorate da una pletora di “esperti” assoldati per far loro credere che tali invenzioni siano verità, costituiscano davvero la realtà del mondo in cui essi vivono. Ed ecco dunque che un asino volante che affascina il piccolo bimbo si trasforma in un terrorista spietato, capace di farla in barba alla nazione più potente nel mondo e di scardinare i suoi sofisticati e impenetrabili sistemi di sicurezza.Ed ecco dunque che il mantello dell’invisibilità si trasforma in un enorme aereo che vola raso terra a velocità pazzesca e, con precisione millimetrica, sfonda le cinture di protezione della sede del quartier generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America, dissolvendosi subito nel nulla. Il foro nei muri di cinta è decisamente più piccolo rispetto alle dimensioni del velivolo che, secondo la favola, avrebbe colpito l’edificio, e i pochi resti sono incompatibili con quanto i narratori della favola raccontano ai bambini/adulti.

Secondo la favola che i veri governanti del pianeta vogliono farci credere, l’undici settembre 2001 quattro aerei di linea hanno girato per ore i cieli degli Stati Uniti senza essere minimamente intercettati, al completo di passeggeri ed equipaggi. Due di questi sono riusciti nell’impossibile impresa, grazie alle magnifiche doti dei presunti terroristi, piloti provetti autodidatti, di centrare in pieno i due grattacieli più famosi del mondo a New York.

Secondo la favola, TRE grattacieli (non soltanto i due colpiti dai presunti aerei) con infrastruttura in acciaio crollarono a causa dell’enorme calore sviluppato dagli incendi. Eppure, nella nostra storia, alcun grattacielo con infrastruttura in acciaio è MAI caduto a seguito di incendio.

Non c’è nulla di male, nel credere alle favole, soprattutto quando si è bambini. Le favole, anzi, svolgono un importante compito educativo e offrono al bambino un avvertimento morale in forma semplice, in modo che per loro sia facile afferrarlo.

Le favole per adulti, al contrario, sono dannose e sono pericolose. Esse hanno scopo ben diverso, sono narrate per coprire e giustificare infiniti crimini efferati compiuti ai danni dell’umanità, per trasformare gli adulti creduloni in adoratori dei loro stessi carnefici che si mascherano da salvatori.

Il giorno 11 settembre 2001 fu scritta una terrificante favola, i cui effetti devastanti si ripercuotono ancora oggi sulla vita di tutto il pianeta. Eppure, nonostante le prove e le evidenze che mostrano la verità, la maggioranza degli adulti vuole disperatamente credere che la favola sia vera: l’asino continua a volare, la zucca si trasforma in carrozza, i topini in cavalli bianchi. Si insegna ai bambini a non credere alle fantasie innocenti delle bellissime fiabe d’autore, e si indottrinano a diventare adulti che credono a ogni genere di menzogna del sistema reputandosi, in questo modo, persone sane, razionali, e intelligenti.

Il sangue e le lacrime versate dal 11 settembre 2001 in poi, reclamano Giustizia e Verità.

È dovere di ogni persona che si definisce civile interrogarsi e informarsi con mente libera e con intelligenza.

Ripropongo un importante video realizzato dall’associazione architetti e ingegneri per la verità sul 11 settembre (2001): “La gente non sa“. Tale organizzazione è dedicata a dissolvere il mito e la disinformazione con fatti scientifici ed evidenza forense, istruendo architetti, ingegneri e il grande pubblico sulla demolizione controllata ed esplosiva dei 3 grattacieli del WTC il giorno 11 settembre 2001.

Inganno globale – Libro e Film

Tutto quello che le televisioni non ci hanno raccontato sui fatti di quel giorno.
Tutto quello che le televisioni non ci hanno raccontato sui fatti di quel giorno.

Chiunque abbia vissuto, davanti al televisore, la giornata dell’11 settembre di cinque anni fa, porta incise nella memoria delle immagini che sin da quel momento sono entrate a far parte della storia dell’umanità. Ripetute all’infinito sugli schermi di tutto il mondo, non vi è persona oggi che non saprebbe riconoscere la terrificante palla di fuoco uscita della Torre Sud dopo l’impatto dell’aereo, o le immagini stesse dei due giganti d’acciaio – le Torri Gemelle di New York- che si accartocciano e si sbriciolano su se stesse, una dopo l’altra, scomparendo in una nuvola di polvere larga quanto la stessa isola di Manhattan.

Tutti lo abbiamo visto accadere, in diretta TV. Tutti abbiamo assistito, nello stesso momento, a questo incubo collettivo di dimensioni planetarie.

Ma quello che abbiamo visto è davvero quello che è successo?

Per quanto paradossale a pensarsi, è venuta emergendo nel corso di questi anni una lunga serie di indizi che sembrano suggerire che le cose non siano andate affatto come ci è stato raccontato.

Inganno Globale – come libro e come film – raccoglie e presenta tutti i più importanti di questi indizi, basandosi esclusivamente su informazioni forniteci nel tempo dal governo americano tramite i maggiori canali di informazione a livello mondiale.

Non si tratta quindi di opinioni gratuite o di condanne preconcette, ma di elementi oggettivi, fattuali, facilmente verificabili da chiunque.

Sono le stesse immagini andate in onda in tutto il mondo, che ci hanno mostrato in diretta televisiva quello che fino ad allora avremmo faticato a credere in un film di Hollywood.

Sono le testimonianze angosciate dei poliziotti, vigili del fuoco, giornalisti e passanti scampati per miracolo ai crolli delle Torri Gemelle, incapaci loro stessi di credere a quello che stavano raccontando.
Sono le fotografie della facciata del Pentagono colpita da un aereo, scattate dagli stessi militari che sono appena sfuggiti all’impatto devastante del velivolo.

Sono le immagini mandate in onda da tutte le TV del mondo del campo della Pennsylvania in cui si è schiantato il quarto volo dirottato. Sono immagini che tutti noi già conosciamo.

Quel giorno tutti guardavamo, ma nessuno di noi vedeva.

Accecati dall’orrore, scossi dall’emozione, catturati dall’incedere di eventi sempre più drammatici e impossibili, abbiamo lasciato scorrere sotto i nostri occhi tanti piccoli dettagli che solo a distanza di tempo, rivisti e analizzati con il supporto di esperti e cattedratici, sembrano suggerire una realtà ben diversa da quella che finora ci è stata presentata.

Scheda prodotto

Massimo Mazzucco
Massimo Mazzucco

Massimo Mazzucco ha fatto per molti anni il fotografo di moda a livello internazionale, e nel frattemop ha anche realizzato alcuni film, come Romance (premiato a Venezia nel 1986), Obiettivo Indiscreto, Aaron Gillespie will make you a star, L’ombra Abitata.

Vive a Los Angeles, e da qualche tempo si dedica esclusivamente alla ricerca e all’informazione in internet, tramite il sito luogocomune.net di cui è responsabile.

 

Le playlist di LiberaMenteServo dedicate all’argomento

David Icke, l’autore più controverso al mondo, da un quarto di secolo è impegnato a svelare i segreti dell’Universo, della realtà e delle forze che si manipolano. Ciò che un tempo veniva ridicolizzato e rifiutato, ora riceve continue conferme e consensi, e Icke, a lungo oggetto di scherno, viene ormai riconosciuto come un precursore.

Dopo l’evento all’Arena di Wembley nell’Ottobre 2012, Icke diventa un paladino della controinformazione. E’ ormai lontano quel giorno del 1991 in cui Icke, giornalista sportivo della BBC, si presenta nella trasmissione televisiva di Terry Wogan, facendo due dichiarazioni shock: si autoproclamò “Figlio della Divinità” e predisse immani catastrofi naturali che avrebbero devastato il Regno Unito. Il pubblico in studio, attonito, dopo un primo momento di sconcerto, scoppia a ridere e lo ridicolizza in diretta nazionale.

25 anni dopo, nel 2016, Icke torna proprio presso lo Sheperds Bush Empire – negli studi in cui avvenne la famosa intervista con Wogan – per annunciare il suo nuovo World Wide Wake Up Tour, che toccherà anche l’Italia.

Biglietti, info, mappa, iscrizioni, ecc. … CLICCA QUI

Bibliografia correlata e affine all’argomento

 

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

A. Givaudan e D. Meurois. Gli Anima-lì nell’Aldilà

Anne Givaudan e Daniel Meurois Gli Anima-lì nell’Aldilà Dopo il trapasso nell’Aldilà, l’Anima di Elizabeth …

Utilizzando il sito e continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi