Dimostrazione della morte. Shrii Shrii Anandamurti

«Storie di Guru»

Dimostrazione della morte.

Shrii Shrii Anandamurti

Dopo milioni di vite animali, gli esseri creati giunsero alle forme umane. Ecco perché le Shastras (Scritture) parlano della rarità della vita umana.
I saggi fanno un giusto uso di tutti gli oggetti, solo questo uso rende degna l’esistenza degli oggetti. Voi avete ottenuto la forma umana, dovete riempirla di significato attraverso la pratica del vostro sadhana, servizio e sacrificio. Impegnatevi in occupazioni talmente utili che persino il peggiore dei vostri nemici abbia difficilmente qualche ragione per disprezzarvi, utilizzate voi stessi in modo tale che siate soddisfatti anche nella vostra mente di non aver mai sprecato inutilmente il vostro tempo su questa terra.
Ananda Vanii, maggio 1970

Quando la missione di Ananda Marga iniziò, Baba (Shrii Shrii Anandamurti) era solito dare il darshana generale a Jamalpur (Bihar, India) ogni domenica. I Margi (discepoli praticanti) che partecipavano venivano da diversi posti e alcuni rimanevano nella jagrti (casa della missione) di Jamalpur.

Il 21 novembre 1954, la sala del darshana era piena di sadhaka (discepoli praticanti). E Baba chiese a un devoto: “Vieni qui, siediti nella posizione del loto e chiudi gli occhi …“. Il devoto fece come gli era stato chiesto.

Baba spiegò: “Il corpo si muove per arie vitali con centri energetici”. Poi, disse: “Ordino al tuo apana vayu [“aria vitale”,”spiritus”,”spirito santo”, “energia della forza vitale”, “chi”, “prana” responsabile dell’eliminazione] di attraversare samana vayu [” aria vitale “responsabile della digestione, del metabolismo, della regolazione del calore]. Ora, ordino a prana vayu [responsabile del battito del cuore e della respirazione e del trasferimento di energia in ogni cellula del corpo] di …” … Il devoto iniziò a respirare affannosamente … Baba riprese: “Prana vayu, fonditi con udana vayu [aria “responsabile della parola].

Il devoto emise strani suoni e cadde a terra. Baba chiese a un dottore seduto lì: “C’è vita in lui?” Il dottore rispose: “No, Baba“.

Baba spiegò ai presenti: “C’è ancora vita nel suo corpo. Una persona morirà solo quando il prana vayu (una delle 10 energie vitali) lascerà il corpo“.

Poi, Baba chiese a tutti i presenti: “Non ditegli cosa ho fatto in questa dimostrazione. Alcuni di voi massaggino il suo corpo“.

Quindi, Baba lasciò la sala ed entrò in un’altra stanza. Mezz’ora dopo, Baba tornò e chiamò tutti nella stanza. Tutti si chiedevano cosa avrebbe fatto adesso.

Con la punta del piede destro, Baba toccò il chakra sahasrara [l settimo chakra, posto alla sommità del capo] del devoto sul quale aveva precedentemente eseguito la dimostrazione. Il devoto aprì gli occhi, e Baba gli chiese: “Chi sei?

Egli rispose: “Sono Shyama Charan Lahiri” [(Lahiri Mahashay), il nome di un grande yogi scomparso nel 1895, un discepolo di Mahavatar Babaji reso famoso da Paramahansa Yogananda nella sua “Autobiografia di uno Yogi].

Baba poi chiese: “Perché sei venuto qui?“.

Egli rispose: “Mi hai dato un ordine per venire a salvare il corpo di quest’uomo“.

I devoti di Ananda Marga si dedicano a pratiche devozionali, yoga, meditazione, servizio sociale. Oggi c’è molta archeologia antica su Marte, come questa statua femminile.

Baba disse: “Ora che sei venuto, puoi fare un po’ più di lavoro. Proprio ora, vai sul pianeta Marte e vedi se c’è vita lì“.

Quindi la mente dei videhi [diciamo il “corpo astrale proiettato”] di Lahiri andò su Marte e disse: “Non c’è vita lì [almeno non visibilmente in superficie]“.

Allora Baba chiese: “Cosa c’è, allora?“.

Lahiri rispose: “C’è solo acqua, e in alcuni punti c’è terra fangosa a causa dell’acqua“.

Baba poi gli disse: “Ora puoi andare sulla luna e dirci cosa c’è”.

Disse: “C’è un vasto deserto e montagne“.

Baba gli chiese: “C’è vita?“.

Egli rispose: “Non c’è vita [almeno non in superficie]. C’è una mancanza di ossigeno sulla luna, ma ci sono miniere d’oro“.

Dopo ciò, Baba gli disse: “Ora vai da Venere“.

Lahiri disse: “Ci sono esseri umani che hanno un colore rossastro [come gli antichi egizi?] E sono più sviluppati degli esseri umani sulla Terra“.

Baba gli disse: “Ritorna sulla Terra e vai negli Stati Uniti, in Russia, in Tibet e in Himalaya, e di ‘a tutti quello che vedi lì“.

Dopo ciò Baba ha ringraziato la mente videhi di Lahiri e gli ha detto di lasciare il corpo del devoto.

Il devoto apparve quindi di nuovo morto. Baba sapeva che tutti i devoti nella stanza ne erano sconvolti, quindi diede l’ordine: “Ovunque la mente del videhi del sadhaka si trovi in ​​questo cosmo, deve venire sulla Terra, in India, in Bihar, a Jamalpur e nel giusto posto“.

Quindi Baba ordinò a tutto il vayus del devoto di funzionare correttamente, e dopo un po ‘aprì gli occhi.

Baba gli chiese: “Perché ti senti annoiato?“.

Lui rispose: “Baba, stamattina mi sono alzato un po’ tardi. Ecco perché“.

Baba gli disse: “Non cenare stasera; bevi solo un po ‘di liquido [caldo] appena prima di dormire“.

Il giorno seguente lo stesso Margi era di nuovo con Baba. Baba lo rimproverò e lo punì perché si era sposato senza informarlo, anche se in passato Baba gli aveva detto di non farlo.

La sua vita era destinata [per forza karmica e non per caso, “destino”] ad essere breve ed è per questo che Baba lo chiamò a Jamalpur e lo usò per dimostrare il processo della morte. Questa dimostrazione esaurì i suoi samskara di una vita breve; fu così che Baba lo rianimò e prolungò la sua vita.

Quella che segue è un’altra storia del libro.

C’è vita su altri pianeti?

In un’altra storia, Baba fissa lo spazio e spiega che l’ideologia (Insegnamenti di Ananda Marga) è già stata diffusa in altri 49 mondi nello spazio, ma ci sono innumerevoli altri da percorrere. Baba ha inviato 40 “apostoli” (Avadhutas) nei mondi. Andrà lì per insegnare fino a quando molti altri mondi sentiranno gli “Insegnamenti senza tempo” (Sanatana dharma, “Eternal Truth”) stabiliti di nuovo lì, un’aspirazione molto simile al buddismo e, si immagina, qualsiasi dottrina universale o tradizione missionaria.

(Nota: questa storia dal libro di Dada Mahaviirananda intitolata The Tantric Guru: Enchanting Stories of His Life” La storia è stata leggermente curata dagli editori del sito in conformità con le loro politiche editoriali. La vera storia può essere trovata nel libro di Dada Mahaviirananda).

Shrii Shrii Anandamurti

P.R. Sarkar

Prabhat Ranjan Sarkar (Shrii Shrii Anandamurti 1921-1990) è un filosofo indiano e guida spirituale di milioni di discepoli in tutto il mondo. Fondatore dell’Ananda Marga e del Proutist Universal, per la diffusione del Tantra Yoga e la creazione di un nuovo assetto sociale basato su valori universali. Grande Guru dalla personalità trascendente, ha fatto rivivere l’antica scienza intuizionale del Tantra Yoga adattandola alle esigenze della vita moderna. La Sua filosofia spirituale svela molti aspetti del misticismo, e le pratiche di meditazione tantrica da Lui insegnate permettono una profonda trasformazione interiore. Al tempo stesso ha proposto nel Prout una visione sociale globale, ispirando i discepoli alla realizzazione di innumerevoli progetti di servizio sociale. Ha introdotto i principi del Neoumanesimo e creato un sistema educativo innovativo per lo sviluppo completo dell’essere umano. I Suoi scritti includono testi di filosofia spirituale e opere di economia e sociologia, trattati di filologia e composizioni musicali, nuove teorie scientifiche, testi sulla medicina yogica e l’agricoltura ecosostenibile, storie per bambini e opere di narrativa e teatrali.


Archivio Storico categoria su LiberaMenteServo

Il Kiirtan: Bàbànam Kevalam

il Mahamantra

Baba means “My most beloved One”, Nam means “name of” or “to identify with”, and Kevalam means “only”. The meaning of the mantra is “My most Beloved is the only One.” The ideation is: “Everywhere I look, in everything I hear, feel, see, taste and smell, I perceive that one Supreme Consciousness which pervades all things.”

BABANAM KEVALAM
The whole Universe is an expression of Cosmic Consciousness.

«Insieme agli ostacoli, ci saranno anche alcune forze che vi assisteranno. Qualunque difficoltà mondana potrebbe ostacolare il vostro percorso; la migliore forza positiva o ausiliaria è kiirtana. Kiirtana aiuta un devoto ad accelerare la velocità verso il centro dell’universo. Kiirtana vi aiuterà in tutte le circostanze; se si presenta qualche problema mentale, kiirtana ti aiuterà».
Shrii Shrii Anandamurti

Bàbànam Kevalam – Tutto è Infinito Amore.

Chi non ha ancora ricevuto il proprio mantra personale può ripetere mentalmente il mantra universale in lingua sanscrita BABA NAM KEVALAM. L’ideazione più profonda di questo mantra è: «Ovunque io guardi, ogni cosa io senta, assaggi, odori, percepisca, è espressione di questa Coscienza Cosmica che pervade tutto, che può essere riassunto in “L’AMORE E’ OVUNQUE”».

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Per chi si è perso la puntata di “Report” del 30/11/2020

Per chi si è perso la puntata di “Report” del 30/11/2020