La foto è stata tratta da una scena del film "Contagion".

Coronavirus. Bergamo la più vaccinata d’Italia: ora i morti non si contano più

Vivere in modo Naturale
Giovedì 19 marzo 2020, Marco Loris Pontet 

Coronavirus: Bergamo è la città più vaccinata d’Italia contro la meningite e l’influenza, e ora i morti non si contano.

I media non vi dicono però che … Leggete i bugiardini, e capirete da soli che i vaccini sono la più grande presa per il c..o che abbiano mai inventato, e che fruttano fatturati stellari alle case farmaceutiche.

Diceva Agatha Christie: «Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova». Di seguito abbiamo 5 indizi:

  • 1° indizio. Coronavirus, 2.864 casi a Bergamo. La più colpita insieme a Brescia. LINK
  • 2° indizio. 21 Ottobre 2019 – Vaccino antinfluenzale: a Bergamo ordinate 185.000 dosi.  LINK
  • 3° indizio. 8 Gennaio 2020 – Emergenza Meningite, Vaccinate 34mila persone tra Brescia e Bergamo.  LINK
  • 4° indizio. Uno studio pubblicato su PubMed afferma che la vaccinazione antinfluenzale può aumentare il rischio di altri virus respiratori, un fenomeno noto come interferenza virale. L’interferenza del virus derivato dal vaccino era significativamente associata al coronavirus e al metapneumovirus umano. LINK
    Il vaccino antinfluenzale aumenta il rischio di coronavirus del 36% afferma uno studio militare.  LINK
  • 5° indizio. Stanno cremando i morti per evitare l’autopsia che ovviamente metterebbe in luce le vere cause dei decessi, li cremano come se fossero stati affetti dalla peste bubbonica. VERGOGNA!
Link attivo

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO CORRELATO

Ha destato molto interesse la testimonianza del giovane manager italiano di una fra le più grandi banche d’affari mondiali dalla quale, nel 2005, si è licenziato perché si è rifiutato di vendere derivati che scommettevano sulle morti di aviaria. In questo link l’intervista rilasciata alla TV La7 trasmissione “Otto e mezzo” del 15-3-2012: (a 14,40′ dall’inizio: derivati su aviaria).

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Bill Gates ammette:
«I vaccini servono per diminuire la popolazione».

lospecchiodelpensiero /

Si sa che fra i complottisti gira l’idea che esistano dei “mondialisti” cattivi cattivi che, fra i loro scopi, hanno quello (udite udite!) di ridurre la popolazione mondiale.

E il motivo sarebbe semplice: questi cattivoni hanno tutto: denaro, potere, controllo dell’informazione, ecc, tranne una cosa: i numeri. Sono molto pochi, in confronto agli altri, che sono enormemente di più. E allora? Allora l’idea sarebbe quella di ridurre la popolazione mondiale, tramite guerre, carestie, terremoti, inquinamento, vaccini (vaccini? Sì, vaccini!) pessima alimentazione, ecc.

Chissà se è vero. Però è divertente vedere Bill Gates (sì proprio lui, il sig.Windows) che dice, testualmente, che per ridurre le emissioni di CO2 causato dall’uomo bisogna agire sui fattori che lo producono:

  • numero di persone,
  • quantità di consumi che queste persone fanno,
  • energia unitaria per consumo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Insomma, un approccio matematico. E analizzando le singole voci, partendo dalla eccessiva presenza di esseri umani (questo bestiame ingombrante, ma perchè sono così tanti?) dice testualmente: «Lavorando bene, con i servizi sanitari, la contraccezione e i vaccini potremmo forse ridurre la popolazione del 10-15%».

Ma come? La sanità e i vaccini servono per diminuire la popolazione? Avrò capito male? … No, no, l’ha proprio detto, c’è il video su youtube che lo documenta!

Vaccinazione, il killer silenzioso … la storia si ripete

Abbiamo barattato orecchioni e morbillo contro cancro e leucemia

CLICCA QUI per leggere l’articolo

vaxxed-censurato-big-pharma-bigpharma

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Diffusione CVD-19 a livello globale. Le mappe e la App

Diffusione CVD-19 a livello globale. Le mappe e la App La mappa satellitare dei contagi …

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi