Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Povia: chi comanda il mondo?

 

Povia: chi comanda il mondo?

Si intitola Chi comanda il mondo? Il nuovo singolo-denuncia del cantautore milanese Giuseppe Povia, che con questa canzone dimostra di avere molto coraggio.

Qualche ora fa l’artista ha scritto su Facebook: “Ecco chi comanda il mondo, ecco la canzone-video-denuncia a questa dittatura finanziaria europea e mondiale. Con la speranza che tutti ne prendano coscienza e chi già sa, cominci a fare qualcosa. Questa volta ve lo chiedo: CONDIVIDETE, DIFFONDETE, DIVULGATE DOVUNQUE”. Povia invita tutti i fans a fare la stessa cosa, ovvero condividere nelle pagine sociali dei grandi cantanti, politici, giornali e giornalisti, al fine di denunciare questa “dittatura”.

Povia ha ringraziato Paolo Barnard “Senza il suo giornalismo, questa canzone non sarebbe mai nata“.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i messaggi che il cantante vuole lanciare alla gente, il significato di questo pezzo.

Come si evince chiaramente dal titolo, il brano denuncia la dittatura (peggio del nazismo) travestita da democrazia e libertà, denuncia i potenti del mondo, ai quali non basta più il potere, ma che vogliono anche vedere il popolo soffrire, sempre agli ordini e politicamente diviso (Dividi ed impera).

Giuseppe Povia canta che “La libertà e la lotta contro l’ingiustizia, non sono né di destra né di sinistra, la musica può arrivare nell’essenziale, dove non arrivano le parole da sole, gli illusionisti ci hanno incastrati firmando i trattati, da Maastricht a Lisbona, siamo tutti indignati perché questi trattati annullano ogni costituzione”. Con queste parole invita a “ribellarsi” al di là della corrente politica, svelandoci cosa i nostri politici hanno fatto, senza chiedere un parere al popolo, promettendo che firmando questi trattati le cose sarebbero migliorate, mentre in realtà tali trattati annullano ogni Costituzione.

E poi il cantante lombardo invita ad uscire dall’Euro “se ogni stato uscisse dall’Euro davvero, magari ogni debito andrebbe a zero (il debito pubblico dell’Italia), meglio una moneta sovrana (che una moneta puttana)”.

La canzone fa parte della colonna sonora del film documentario “La centesima scimmia” – “The Hundredth Monkey”, di Marco Carlucci.

Il video ufficiale che accompagna il brano è stato diretto da Marco Carlucci e prodotto da Primafilm. Nelle immagini vediamo anche il Presidente della BCE (Banca Centrale Europea) Mario Draghi, il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, Angela Merkel.

Testo Chi comanda il mondo? – Povia

Fate la nanna bambini, verranno tempi migliori
Fate la nanna bambini e disegnate i colori

Chi comanda il mondo, c’è una dittatura, c’è una dittatura
Chi comanda il mondo, non puoi immaginare quanto fa paura
Chi comanda il mondo, oltre che il potere vuole il tuo dolore
e dovrai soffrire, e sarai costretto ad obbedire
Chi comanda il mondo, voglia di sapere, voglia di capire
Chi comanda il mondo, sotto questo cielo che ci può sentire
e chi ha creato il mondo, Torre di Babele, Torre di Babele
chi ha creato il mondo, messo sulla croce in Israele
C’è una dittatura di illusionisti finti
economisti equilibristi
terroristi padroni del mondo peggio dei nazisti
che hanno forgiato altrettanti tristi arrivisti stacanovisti
gli illusionisti, che ci hanno illuso con le parole libertà e democrazia
fino a portarci all’apatia
creando nella massa, una massa grassa di armi di divisione di massa
media, oggetti, nomi, colori, simboli
la pensiamo uguale ma siamo divisi noi singoli
dormiamo bene sotto le coperte
siamo servi di queste sorridenti mer*e
Fate la nanna bambini, verranno tempi migliori
Fate la nanna bambini e www.nuovecanzoni.com disegnate i colori
Fate la nanna che la mamma, vi cullerà sui suoi seni
Fate la nanna bambini volati nei cieli
Ma un giorno un bambino di questi si sveglierà
e l’uomo più forte del mondo diventerà
portando in alto l’amore
Chi comanda il mondo, c’è una dittatura, c’è una dittatura
Chi comanda il mondo, non puoi immaginare quanto fa paura
Chi comanda il mondo, Torre di Babele, Torre di Babele
chi ha creato il mondo, dice sempre che va tutto bene
La libertà e la lotta contro l’ingiustizia
non sono né di destra né di sinistra
la musica può arrivare nell’essenziale
dove non arrivano le parole da sole
gli illusionisti ci hanno incastrati firmando i trattati
da Maastricht a Lisbona
siamo tutti indignati perché questi trattati
annullano ogni costituzione
quì bisogna dare un bel colpo di scopa
e spazzare via ogni stato da quest’Europa
se ogni stato uscisse dall’Euro davvero
magari ogni debito andrebbe a zero
perché per tutti c’è un punto d’arrivo
nessuno lascerà questo mondo da vivo
vogliamo una terra sana, sana
meglio una moneta sovrana (che una moneta put*ana)
Fate la nanna bambini, verranno tempi migliori
Fate la nanna bambini e disegnate i colori
Fate la nanna che la mamma, vi cullerà sui suoi seni
Fate la nanna bambini volati nei cieli
Ma un giorno un bambino di questi si sveglierà
e l’uomo più forte del mondo diventerà
portando in alto l’amore
Chi comanda il mondo, c’è una dittatura, c’è una dittatura
Chi comanda il mondo, non puoi immaginare quanto fa paura
Chi comanda il mondo, oltre che il potere vuole il tuo dolore
e dovrai soffrire, e sarai costretto ad obbedire
Chi comanda il mondo, voglia di sapere, voglia di capire
Chi comanda il mondo, sotto questo cielo che ci può sentire
e chi ha creato il mondo, Torre di Babele, Torre di Babele
chi ha creato il mondo, messo sulla croce in Israele
Fate la nanna bambini volati nei cieli

Link

Argomento correlato, leggi anche:
IL VASO DI PANDORA E’ SCOPERCHIATO !!!! IO COMPLOTTISTA? SI, GRAZIE. ONORATO!

Alcune categorie correlate e affini

Cerca anche

Comunicazione di Joël Ducatillon del 15/12/2020

Capire i Tempi Steel Storm Staelhe Comunicazione di Joël Ducatillon del 15/12/2020

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Selezionando "ACCETTO" su questo banner acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi