In Evidenza

Argentina, chilometri di costa ricoperti di scarabei: il mistero ancora da svelare

Ognuno la legga come vuole, ma questa notizia mi colpisce particolarmente per due motivi:

  1. il fatto accade in Argentina, terra che secondo determinate indicazioni esoteriche di tipo psichico sarebbe destinata ad essere terra del Mondo Futuro.
  2. Il tipo di animale citato nell’articolo è lo scarabeo di tipo egiziano.Questo insetto era considerato sacro e simbolizzava il dio delle “trasmutazioni”, Kepheru. Come tale, veniva associato alla nascita della nuova Luce, a livello macroscopico, cioè della realtà circostante e a livello microscopico, vale a dire nell’uomo. Questo tipo di comunicazione è perfettamente in linea con quanto detto sopra in relazione ad una nuova nascita e una nuova era. Potrebbe essere inoltre il suggerimento sciamanico realtà trascendente che annuncia la manifestazione di un collettivo di uomini portatori di una nuova conoscenza (la Luce, appunto) come profetizzato dagli esseni di Qumran e come lo stesso simbolismo dell’acquario suggerisce.

crop-circle-scarabeoRicordo che questo tipo di scarabeo e simbolismo era stato già presentato dal fenomeno dei cerchi nel grano, ad annunciare proprio la trasmutazione interiore che avrebbe interessato il nostro momento storico e l’umanità, o meglio un suo gruppo.

Grazie ad Alessandro Bucca

Commento di Adriano Forgione, 5 marzo 2016 – Direttore Editoriale Rivista mensile FENIX
Blog     Facebook

Argentina, chilometri di costa ricoperti di scarabei: il mistero ancora da svelare
di Federica Macagnone per Il Messaggero.it

scarabeo-egizio-adriano-forgioneL’invasione di scarabei che sta colpendo le spiagge argentine di Mar de Ajo, a 50 chilometri da Buenos Aires, sta assumendo dimensioni bibliche, tanto da far dire a una parte della popolazione che questo è un segno che anticipa la fine del mondo. Scene da film dell’orrore, che lasciano residenti e turisti senza fiato: chilometri di costa ricoperti da un tappeto nero di insetti in movimento, senza che nessuno abbia ancora individuato con certezza l’origine del fenomeno. Sui social media, oltre a coloro che parlano di “sinistro avvertimento di imminente castigo divino” e sostengono che “la fine dei tempi è vicina … e gli scarabei possono sentirla“, c’è chi tenta di trovare una spiegazione scientifica. Come fa un commentatore, che si identifica come “khnagar“, secondo il quale si tratterebbe di esemplari della specie Heteronychus Arator, noti per i loro esodi di massa in estate/autunno durante i quali si accoppiano: trasportati dai venti verso il mare, sarebbero poi tornati sulla spiaggia moribondi o già morti.
Fonte articolo / Link attivo

Giovedì 3 Marzo 2016, 15:49 – Ultimo aggiornamento: 19:18

preghiera-andrea-pangos

Cerca anche

Primum non nŏcēre. È veramente opportuno iniettare alluminio nei neonati?

Primum non nŏcēre. È veramente opportuno iniettare alluminio nei neonati? Qualcuno ci spieghi l’opportunità di …

Utilizzando il sito e continuando con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi